F1 | Sainz sulla vicenda Perez: “Conferma che non c’è gratitudine in questo sport”

"Mi fa arrabbiare perché ho un buon rapporto con lui", ha aggiunto Sainz

Sainz ha analizzato la situazione che sta affrontando Perez in vista del 2021
F1 | Sainz sulla vicenda Perez: “Conferma che non c’è gratitudine in questo sport”

Al termine dell’ultimo Gran Premio della Toscana Ferrari 1000, Carlos Sainz ha analizzato la situazione contrattuale di Sergio Perez e il suo recente addio “forzato” alla Racing Point, sottolineando come il team di Lawrence Stroll non abbia mostrato gratitudine verso il pilota messicano.

Secondo lo spagnolo, “Checo” meritava un maggior rispetto dalla propria squadra, soprattutto dopo quanto fatto alla fine della stagione 2018 (l’ingiunzione contro Vijay Mallya per il mancato pagamento degli stipendio e il successivo passaggio delle quote a Stroll)

“Checo dimostra che le prestazioni non sono tutte in F1”, ha dichiarato Carlos Sainz. “Se giudichiamo solo dalle prestazioni, non c’è motivo per cui Sergio debba lasciare Racing Point. Però sappiamo bene che un F1 ci sono altri interessi. Per me è una brutta mossa”.

“La squadra che ha salvato dalla bancarotta e di cui si è fidato tanto ora non vuole continuare con lui, proprio quando finalmente gli danno una macchina per combattere”, ha proseguito lo spagnolo della McLaren. “Mi fa arrabbiare perché ho un buon rapporto con lui e lo rispetto come pilota. Abbiamo scelto questo sport e dobbiamo accettarlo, ma di sicuro è un lavoro ingrato. Spero che Checo trovi un posto”.

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati