F1 | Renault spiazzata: Red Bull non monterà la nuova specifica di MGU-K studiata per il GP d’Austria

La Scuderia austriaca non vuole scontare una penalità in griglia nel proprio appuntamento di casa

F1 | Renault spiazzata: Red Bull non monterà la nuova specifica di MGU-K studiata per il GP d’Austria

Red Bull non utilizzerà la nuova specifica del motore MGU-K durante il prossimo Gran Premio d’Austria, nono appuntamento del mondiale 2018 di Formula Uno. Secondo quanto riportato dal quotidiano Marca, infatti, la Scuderia austriaca avrebbe scelto di posticipare l’arrivo della nuova componente studiata da Renault, preferendo rischiare dal punto di vista dell’affidabilità piuttosto che subire una penalità in griglia nel proprio Gran Premio di casa. Una scelta curiosa e assolutamente sorprendente, soprattutto dopo i tanti problemi accusati da Daniel Ricciardo negli ultimi tre week-end di Monaco, Canada e Francia.

La versione attualmente in uso, ricordiamo, è la stessa del 2017 e presenta delle imperfezioni dal punto di vista tecnico, fattore che ha provocato numerose rotture nel corso delle ultime due stagioni.

Cyril Abiteboul, interpellato sulla questione, ha confermato lo scenario descritto dal quotidiano spagnolo nella giornata di oggi, sottolineando come questa scelta ponga la Scuderia austriaca in una posizione estremamente difficile dal punto di vista dell’affidabilità.

“Il nuovo motore MGU-K sarà disponibile in Austria per tutte le auto che lo desidereranno”, ha dichiarato il capo della Renault, Cyril Abiteboul. “Non tutti i nostri clienti hanno scelto di utilizzare l’upgrade, ma è qualcosa a cui non possiamo opporci. Una squadra continuerà a usare la vecchia specifica del 2017, tenendo ben presente che il rischio di rotture sarà molto più grande. Questa però è la nostra filosofia e non possiamo far altro che accettare tutte le decisioni dei nostri clienti”.

F1 | Renault spiazzata: Red Bull non monterà la nuova specifica di MGU-K studiata per il GP d’Austria
5 (100%) 1 vote
Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati