F1 | Pirelli, Isola soddisfatto per le prestazioni a Suzuka

L'azienda italiana è in competizione con Hankook per il futuro in Formula 1

F1 | Pirelli, Isola soddisfatto per le prestazioni a Suzuka

Il capo dell’azienda italiana, Mario Isola, si è detto soddisfatto per le performance mostrate dagli pneumatici, durante il weekend a Suzuka.

Vi era una certa preoccupazione in merito all’anormale usura della gomma dopo le sessioni del venerdì, ma Isola aveva dichiarato che questo era dovuto alla gomma esistente precedentemente depositata sulla superficie dopo essere stata spazzata via dai tifoni della zona.

La Ferrari in particolare, si è lamentata per l’alto livello di blistering sulla mescola Supersoft. Quello era lo pneumatico più veloce disponibile per i piloti, in Giappone. Pirelli inoltre ha messo a disposizione dei team mescole morbide e medie più durature.

La pioggia ha condizionato le libere e le qualifiche del sabato, con la conseguenza che le squadre erano preoccupate per il degrado nel giorno della gara con condizioni molto più calde rispetto alle sessioni precedenti. Tuttavia, l’usura delle gomme non si è rivelata un problema, considerati i tempi registrati dalle due Mercedes di Lewis Hamilton e Valtteri Bottas, che hanno preceduto le Red Bull di Max Verstappen e Daniel Ricciardo.

“Dato che le temperature erano molto più calde di prima, sapevamo che ci sarebbero state delle sfide aggiuntive in questa pista molto impegnativa”, ha spiegato Mario Isola dopo il gran premio.
“Questo è stato davvero il caso, soprattutto nelle fasi finali della gara. Ma non ha affatto compromesso l’azione, come hanno dimostrato le numerose battaglie”.

La longevità delle gomme è stata favorita da un periodo di safety car a seguito di un primo contatto tra Kevin Magnussen e Charles Leclerc e da una Virtual Safety Car quando Leclerc ha avuto un guasto tecnico.

“Grazie anche a una safety car, la maggior parte dei piloti è stata in grado di fare solo una fermata. Abbiamo anche visto alcuni stint molto lunghi su tutte e tre le mescole. Molti hanno scelto di finire il gran premio montando la media, l’equivalente della soft dello scorso anno, nonostante il fatto che questo pneumatico non sia stato ampiamente utilizzato nelle prove libere, e in queste condizioni calde”.

Pirelli punta a rinnovare il contratto 2020/23 per continuare a fornire pneumatici alla Formula 1, ma è in competizione con la società sudcoreana Hankook.

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati