F1 | Pagelle GP Bahrain: Hamilton insaziabile, Grosjean eroe

Bottas e Albon prendono ancora paga dai compagni di squadra, nervosismo in Ferrari

F1 | Pagelle GP Bahrain: Hamilton insaziabile, Grosjean eroe

Quello di ieri è stato un Gran Premio che difficilmente dimenticheremo. Dopo lo spavento per il drammatico incidente di Romain Grosjean, la gara è ricominciata, assegnando la vittoria a Lewis Hamilton. Questi i nostri promossi e rimandati del Gran Premio del Bahrain.

Romain Grojean, 10 – Sì, ce lo concederete. Più volte il pilota francese è stato criticato per la sua guida o per il fatto di “essere uno tra i più scarsi”. Spesso però dimentichiamo che i piloti su quei bolidi rischiano la vita e ieri tutti abbiamo temuto per l’incolumità di Romain, il quale ha avuto una forza incredibile per uscire da quel fuoco e dopo qualche ora ci ha regalato un bellissimo sorriso dal letto dell’ospedale. Se corri in una Formula 1 non sei scarso, vuol dire che te lo sei meritato. E non possiamo non menzionare la FIA, gli stewards e il personale medico che è intervenuto immediatamente per salvare la vita del pilota. 

Lewis Hamilton, 9 – Nonostante la preoccupazione dopo il bruttissimo incidente del collega, il sette volte campione del mondo non perde la concentrazione e conquista il 95 esimo successo in carriera. Impeccabile.

Max Verstappen, 8 – Il pilota olandese si è riscattato dalla gara deludente della Turchia con un ottimo secondo posto e demolisce ancora una volta il compagno di squadra. Peccato che la macchina non gli permetta quel guizzo in più per poter lottare con Hamilton…

Alex Albon, 6.5 – E’ vero, è salito sul podio (complice il ritiro di Sergio Perez, ndr) e gliene va dato atto ma dopo aver distrutto la sua Red Bull durante le prove, prende ancora paga da Verstappen con un distacco (40 secondi prima della safety car) che a parità di macchina, non è ammissibile. Basterà un podio per il rinnovo?

Carlos Sainz, 8.5 – Fa una rimonta incredibile dalla 15 esima casella in griglia di partenza, gestisce in maniera eccellente le gomme soft e soprattutto fa capire con quel sorpasso ai danni di Charles Leclerc, che non arriva in Ferrari per fare la seconda guida. Bravo!

Lando Norris, 7 – Anche se ha battuto di una posizione il compagno di squadra, la sua non è stata una gara così entusiasmante ma sono i risultati che parlano alla fine. 

Pierre Gasly, 7.5 – Sì, con il senno di poi la decisione di riconfermare il francese in AlphaTauri è stata la scelta più azzeccata. Pierre guida con tranquillità, grinta e costanza. Non sarà in un top team ma la squadra di Faenza ha fatto risplendere il talento cristallino di Gasly.

Daniel Ricciardo, 6 – Onestamente ci aspettavamo di più dal pilota australiano che ha perso gran parte del tempo a lottare con il compagno di squadra. Arriva settimo al traguardo ma Daniel sa fare molto di più.

Valtteri Bottas, 3 – Ok, la foratura ha compromesso i primi giri della gara ma considerato il bolide che guida, ci aspettavamo una rimonta a ridosso del compagno di squadra. Invece arriva al traguardo con 19 secondi di gap. Impeccabile nelle prove e in qualifica ma i punti si danno in gara.

Charles Leclerc, 6 – Con quella macchina non si può chiedere di più al monegasco che conquista la zona punti grazie al ritiro di Perez. Charles ci mette sempre impegno nella lotta ma purtroppo la differenza in rettilineo con le altre macchine pesa parecchio. 

Sebastian Vettel, 5 – Altro che convivenza serena con Leclerc, si arrabbia nel team radio per l’entrata del monegasco alla prima curva (a suo dire troppo aggressiva) e fa un testacoda. Chiude 13 esimo al traguardo ed è a -2 gare dalla fine di un incubo.

Esteban Ocon, 5.5 – Nonostante le belle lotte con Leclerc e Ricciardo, è poi la classifica finale a parlare. Inoltre pare non avere ancora capito che la gara non si fa con il compagno di squadra.

Daniil Kvyat, 4 – Incolpevole per il contatto con Grosjean ma fa un’entrata su Lance Stroll che dire aggressiva è ancora poco. Persa un’altra occasione per convincere Marko a tenerlo in AlphaTauri.

Sergio Perez, 8 – Siamo a 2 gare dalla fine della stagione e il messicano non ha ancora un contratto firmato. Com’è possibile? Autore di un’altra gara bellissima con il terzo posto assicurato ma la MGU-K ha letteralmente mandato in fumo il suo podio. Peccato.

Gli altri: Stroll (NC), Magnussen (5), Raikkonen (5), Giovinazzi (5), Latifi (5.5)

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati