F1 | Ocon non si pente della scelta Renault: “Volevo un accordo solido”

L'esordio sarà però rimandato al 2020: "Non credo di riuscire a testare già ad Abu Dhabi"

Ocon ha sposato il progetto Renault, chiudendo di fatto la propria parentesi in Mercedes
F1 | Ocon non si pente della scelta Renault: “Volevo un accordo solido”

Intervistato da Auto Motor Und Sport nel corso della giornata di ieri, Esteban Ocon ha parlato della scelta di sposare il progetto Renault a partire dalla stagione 2020, sottolineando come la possibilità di guidare per un costruttore sia stata estremamente allettante, soprattutto dopo la pausa forzata e del tutto imprevista avuta nel corso di questa stagione.

Nonostante la possibilità Mercedes per il 2021, infatti, il francese ha preferito puntare su un progetto solido e immediato, scegliendo di fatto l’allentamento dalla famiglia che gli ha permesso di arrivare in Formula 1 nel 2017. Una decisione forte, accettata da Toto Wolff, che l’ex pilota della Racing Point spera porti i suoi benefici in ottica 2021.

“Nessun pentimento per la scelta di lasciare la Mercedes”, ha affermato Esteban Ocon. “Il progetto Renault mi attira e personalmente non credo sia un brutto cambiamento. Voglio aria fresca, consigli e un nuovo modo di pensare e vivere le corse. Potevo spingere per un contratto annuale, così da avere una chance di tornare in Mercedes nel 2021, ma alla fine ho scelto un accordo solido. Avrò la possibilità di guidare per un produttore e la ritengo una grossa opportunità. Sul resto invece cercherò di fare il massimo con quello che avrò”.

Su programma di lavoro che porterà avanti nei prossimi mesi ha aggiunto: “Non è ancora stato deciso, ma sicuramente ho ancora del lavoro da fare. Probabilmente non testerò per la Renault ad Abu Dhabi, ma chiaramente vorrei iniziare il prima possibile. Dipenderà dai contratti e dai capi. Saranno loro a prendere una decisione in merito”.

F1 | Ocon non si pente della scelta Renault: “Volevo un accordo solido”
5 (100%) 1 vote
Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati