F1 | Mercedes, Wolff: “Bottas sta diventando sempre più forte”

Il boss della Mercedes sempre più soddisfatto delle prestazioni del pilota finlandese

F1 | Mercedes, Wolff: “Bottas sta diventando sempre più forte”

Valtteri Bottas sta diventando la vera sorpresa di questo mondiale 2017. Con due vittorie e prestazioni sempre più convincenti ha iniziato ad insidiare Lewis Hamilton nella classifica mondiale, lanciandosi in maniera inesorabile verso il rinnovo del suo contratto annuale con la Mercedes.

Anche Toto Wolff, che lo ha fortemente voluto al posto di Rosberg, si è detto più che soddisfatto del livello raggiunto dalle sue prestazioni: “Valtteri diventa sempre più forte ad ogni gara – si legge su GP Update – dopo la lotta a Baku ha ottenuto una bella vittoria in Austria. Sapeva che avevamo bisogno di una pole e di una vittoria e lo ha fatto, ha mantenuto i piedi per terra, ha fatto una grande partenza e ha ottenuto il primo posto. Si sta concentrando sulle cose che fanno la differenza e i risultati parlano per lui”.

La speranza è che anche a Silverstone le cose continuino su questa lunghezza d’onda, anche se le cose da migliorare a livello generale di squadra sono ancora numerose: “Veniamo a Silverstone consapevoli di dover mettere delle cose a posto anche se abbiamo vinto in Austria – ha detto Wolff – sia a Baku che a Spielberg abbiamo lasciato dei punti che erano a portata di mano per colpa di problemi all’auto che non avevano niente a che fare con i nostri piloti”.

Da qui la voglia di fare molto meglio e ottenere un grande risultato di squadra, importantissimo per conservare il primo posto nel campionato costruttori: “Speriamo che Silverstone possa soddisfare la nostra vettura. Si tratta di una sfida molto diversa rispetto alle piste precedenti per via delle curva larghe che metteranno al centro l’efficienza aerodinamica. Sarà uno spettacolo impressionante vedere le vetture attuali che sfidano le leggi della fisica nelle curve veloci”.

Manuel Lai

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

1 commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati