F1 | Mercedes, Valtteri Bottas: “Non ho ancora parlato con Russell”

"Non ho sentito nulla di ciò che mi ha detto e sono sicuro che abbiamo prospettive diverse sull'accaduto" ha spiegato il finlandese

F1 | Mercedes, Valtteri Bottas: “Non ho ancora parlato con Russell”

Bisogna dirlo: la gara di Valtteri Bottas ad Imola non è stata affatto brillante, né degna delle performance che ci si aspetterebbero da un pilota Mercedes. Il finlandese, ottavo alla partenza, perde subito due posizioni e fatica veramente tanto per tutta la prima parte di gara, restando stabilmente tra la decima e la nona posizione. Fino a quando, in un duello con George Russell, è il pilota Williams ad andare sulla parte di pista bagnata e a perdere la monoposto, coinvolgendo Bottas in un incidente tremendo che ha addirittura causato bandiera rossa. Bottas inizialmente ha accusato un dolore alla gamba, ma entrambi sono stati portati al centro medico e stanno bene. La cosa che ha lasciato di stucco è stata la prepotenza di Russell, che ambisce proprio al sedile di Bottas, nell’incolpare il finlandese per l’incidente. Per questo Valtteri è assolutamente innocente, ma riguardo alle sue performance, sopratutto se comparate a quelle del compagno di squadra, non può essere ritenuto non colpevole.

Fisicamente sto bene – ha rassicurato Valtteri dopo la gara – per fortuna è andata così, ma ovviamente poteva andare peggio vista la velocità. George si è avvicinato e ha deciso di attaccare. Ovviamente la pista è stretta, c’è solo una traiettoria asciutta e lui è andato all’esterno, c’era spazio durante tutta l’azione per dure vetture, ma ovviamente lui ha perso la monoposto e mi ha preso. Non ci ho ancora parlato: non ho sentito nulla di ciò che mi ha detto e sicuramente abbiamo prospettive diverse dell’accaduto. E’ stata una gara tosta fino a quel momento, i sorpassi non erano facili dalla mia posizione di partenza. Ma ho bisogno di guardare solo ai lati positivi di questo weekend e andare avanti“.

 

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati