F1 | Lewis Hamilton è il più grande di tutti i tempi?

La risposta alla domanda che gli appassionati si pongono negli ultimi giorni potrebbe essere affermativa

F1 | Lewis Hamilton è il più grande di tutti i tempi?

Lewis Hamilton. Tredici anni di carriera in F1 e sei titoli mondiali. Arrivati a questo punto, avendo seguito passo dopo passo tutta la carriera dell’anglo-caraibico ci si potrebbe sbilanciare senza voler mancare di rispetto a nessuno: Luigino probabilmente è il GOAT della F1, il più grande di tutti i tempi.

Non è un discorso di paragoni con Senna, Schumacher, Prost, Villeneuve o altre divinità terrene della categoria. E’ la mera constatazione dell’impatto sulla categoria e della crescita di questo campione, un crescendo rossiniano che l’ha visto dapprima acerbo fulmine di guerra e poi maniacale fuoriclasse completo sotto tutti i punti di vista.

La velocità pura, lo stile aggressivo, la guida spettacolare, i bloccaggi e i sovrasterzi, la naturalezza sotto l’acqua sono doti ammirate sin dagli esordi, sin dai primissimi anni. Nel 2008 a Silverstone Lewis doppiava tutti mentre i colleghi annegavano letteralmente in acque agitate. Nel 2010 su asfalto umido diede una lezione di guida a Spa, consacrandosi quale talento purissimo. Anche negli anni più bui (2009, 2011) contrassegnati da un grande momento di fragilità personale, Hamilton ha vinto gare e fatto pole, timbrando sempre il cartellino.

Hamilton e Schumacher, ormai così vicini nei numeri strepitosi, sono la perfetta nemesi l’uno dell’altro. Michael ha rappresentato il talento dell’abnegazione, la velocità al servizio della determinazione, il carisma nel trascinare un intero team conducendolo per mano nel Mito. Con Lewis siamo (quasi) agli antipodi. Si somigliano per la voglia di vincere, per il cannibalismo alla Eddy Merckx,  per la fame atavica anche dopo aver fatto incetta di titoli.

Ma Hamilton rappresenta la velocità più pura, con una predisposizione all’applicazione meno forte di quella del kaiser, e un carisma diverso. Michael era la Ferrari, Hamilton corre per la Mercedes, ma resta un One Man Show. Una superstar.

“Luigi VI” è un titolo nobiliare guadagnato con le unghie, sgomitando anche contro compagni di squadra forti e agguerriti. Esordire con Fernando Alonso e batterlo, ad esempio. Convivere per anni con un mastino come Jenson Button, prendendole pure e passare poi da JB a Rosberg, un altro figlio di buona donna del motorsport.

Ma è proprio il confronto con Nico che ha fatto spiccare il volo a Hamilton. Luigino ha battuto l’amico rivale nel 2014 e nel 2015, per poi perdere clamorosamente il derby iridato nel 2016. Lì era ancora un pilota vulnerabile, che poteva commettere errori, incline a mini crisi passeggere, oltremodo sensibile al feedback della monoposto.

Poi qualcosa è cambiato. Hamilton dal 2017 non ha sbagliato più nulla; il campione controverso e fragile ha lasciato posto ad un fuoriclasse nel pieno della maturità tecnica ed agonistica, capace di vincere a ripetizione, ma anche di limitare i danni nelle giornate no. Continuando a sognare Senna ma correndo un po’ come Prost, più simile a Schumacher nella gestione dei mondiali (dominati) che al capriccioso funambolo conosciuto nei primi anni di carriera.

Per questo forse, per la maturazione continua e progressiva, per la velocità pura alla quale si sono unite le doti di lettura gara, gestione delle gomme (prima le spiattellava, ora è tra i migliori della griglia nel farle durare), della meccanica, delle fasi della gara, Hamilton merita il posto più alto tra i mostri sacri della F1. Ogni anno c’era qualcuno pronto a farlo crollare, da Alonso a Vettel. Ogni anno ha avuto la forza mentale di imporsi. Still I Rise. E continueremo anche a prenderlo per il culo per le sparate sui social, per il personaggio cool che si è costruito, Lewis il festaiolo, Lewis by Hollywood, ma il suo film se l’è costruito tutto tra le curve, sudando e remando anche controvento, ed è da premio Oscar.

Antonino Rendina


F1 | Lewis Hamilton è il più grande di tutti i tempi?
4.8 (95%) 16 votes
Leggi altri articoli in Focus F1

Lascia un commento

2 commenti
  1. Victor61

    7 novembre 2019 at 14:24

    in questo articolo, che puzza non poco di tipico voltagabbanismo italiota che sale sempre sul carro dei vincitori all’ultimo momento, si possono notare ben 2 macroscopiche mistificazioni storiche, la prima riguarda il periodo McLaren 2009-2011 durante il quale Hamilton non ha sofferto di nessuna presunta fragilità personale ma piuttosto di una inspiegabile fragilitàI/affidabilità della sua monoposto (solo la sua e non quella di Button…) nonché di una serie di clamorosi errori del muretto durante la fase dei pit stop ma nonostante tutto questo Lewis è rimasto sempre in lotta per il mondiale fino a campionato avanzato, la seconda riguarda il famigerato derby iridato del 2016 con quel paraculato di papà nonché altro gran figlio di buona donna (come Button e come scrive giustamente Rendina…) di Nico Rosberg che in quel’ anno ha vinto(?) il mondiale distaccando di soli 5 punti Hamilton nonostante Lewis abbia accusato 1 motore rotto con ritiro quando era in testa in Malesia, 3 motori in panne tecniche che lo hanno costretto a subire forti penalità in griglia durante tutto il campionato, 6 dico 6 partenze dalla pole abortite in circostanze molto misteriose e inspiegabili, speronanti gratuiti e dolosi da parte di Rosberg in Spagna e in Austria mai sanzionati mentre lo stesso Rosberg zero problemi per tutto il campionato e nonostante tutto ciò Ham ha fatto 3 pole in più e vinto 1 gp in più di Nico….ricordiamo anche che ad inizio campionato 2016 la MB (Wolff…) ha imposto una incomprensibile rotazione, sulla macchina di Ham, del team di tecnici/meccanici fedelissimi di Rosberg così come ha fatto ad inizio campionato 2019 con Bottas che si è visto arrivare in squadra il secondo ingegnere di pista di Hamilton famoso per essere il mago degli assetti da qualifica…regali di Toto Wolff? incredibile fortuna di Rosberg? “grande simpatia” di Paddy Lowe (poi stranamente licenziato…) per Nico? sta di fatto che Rosberg a fine campionato 2016 si è ritirato con ridicole giustificazioni di interessi famigliari che poi ha sistematicamente smentito cercando sempre di “fare presenza” all’interno del paddock senza grande consenso e simpatie.
    Detto tutto ciò queste classifiche da bar dello sport su quel’è il pilota più grande di tutti i tempi lasciano piuttosto perplessi dato che si parla comunque e sempre di macchine, regole, circuiti e anche personalità/piloti completamente diversi, l’unica cosa che vale, secondo me, è godersi l’attimo fuggente di un grandissimo fuoriclasse nonché campione e personaggio del suo tempo e oggi questo fenomeno è Lewis Hamilton…carpe diem, tempus fugit.

  2. Zac

    7 novembre 2019 at 17:27

    Si diceva lo stesso con Valentino Rossi.

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati