F1 | Haas, Magnussen: “Giornata non positiva, scivolavo come un matto: così è frustrante”

Grosjean: "Classifica sorprendente, la prestazione non è quella che ci aspettavamo"

F1 | Haas, Magnussen: “Giornata non positiva, scivolavo come un matto: così è frustrante”

All’Autodromo Hermanos Rodriguez è andato in scena uno dei venerdì più difficili della stagione per la Haas, apparsa poco competitiva e lontana dalla top ten, in attesa di ricevere un riscontro più significativo sabato. In particolare difficoltà Kevin Magnussen, che ha concluso la seconda sessione di libere in ultima posizione.

ROMAIN GROSJEAN
FP1: 13°, 1:19.276 (+2.620) – 26 giri
FP2: 12°, 1:18.733 (+2.013) – 39 giri
“Non è stata una giornata facile per trovare il bilanciamento della vettura e far funzionare le gomme. Le hypersoft non hanno vissuto un bel momento. Abbiamo sofferto anche per il raffreddamento e l’altitudine. C’è molto da lavorare sulla macchina. La prestazione non è quella che ci aspettavamo. Penso che la classifica sia un po’ sorprendente: le Renault sono molto competitive, così come la Toro Rosso di Hartley, mentre la Ferrari era un po’ indietro. Spero che sabato andrà meglio. Il fatto interessante è che dovremo fare più di un pit stop in gara”.

KEVIN MAGNUSSEN
FP1: 17°, 1:19.853 (+3.197) – 28 giri
FP2: 20°, 1:19.670 (+2.950) – 35 giri
“Non è stata una giornata positiva, non abbiamo imparato troppe cose. Le gomme non hanno funzionato affatto. Vedremo cosa poter fare dal punto di vista degli pneumatici per portarli nella finestra giusta in qualifica. Non hanno lavorato bene né con basso né con alto carico di carburante. Stiamo cercando delle risposte. Dovremo riflettere duramente e trovare qualche idea. Non ho fatto il mio primo giro: avrei dovuto riprovarci, ma le gomme erano già morte a quel punto, quindi in quel senso la classifica non è così male come sembra. È frustrante quando vuoi correre e scivoli come un matto con la macchina che non si comporta come ti aspetti. Vedremo cosa poter fare per sabato”.

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati