F1 | Haas, Grosjean su Portimao: “Sarà importante familiarizzare con il layout”

Magnussen: "E' una pista davvero bella, l'ho provata alcuni anni fa"

F1 | Haas, Grosjean su Portimao: “Sarà importante familiarizzare con il layout”

La Haas ha conquistato tre punti quest’anno, due dei quali grazie al nono posto di Grosjean al Nurburgring. Il francese era ancora a secco nel 2020, con una vettura non certo all’altezza delle aspettative, ma è stato bravo a gestire al meglio la sua gara in Germania arrivando in top ten. Adesso una nuova sfida attende sia Romain che Magnussen, visto che ci sarà l’esordio della Formula 1 sul tracciato di Portimao per il ritorno dopo 24 anni del Gran Premio del Portogallo.

“Al Nurburgring abbiamo deciso di optare per una strategia diversa rispetto alla maggior parte degli altri piloti – ha detto Grosjean. Il primo stint è stato fondamentale, tenendo a lungo le gomme medie per 28 giri senza perdere terreno, lo abbiamo fatto molto bene. Ci siamo fermati ai box e la strategia è cambiata dalle due a una sosta, andando sulle hard. Prima della gara non pensavamo di utilizzare le bianche, erano troppo dure per noi, ma in realtà hanno funzionato molto bene, soprattutto senza nessuno davanti. Chiaramente la Safety Car ci ha svantaggiato specialmente nei confronti di piloti con gomme nuove soft come Hulkenberg e Gasly, ma sono stato in grado di scaldare bene le mie, quindi la ripartenza non è stata male”.

Su Portimao: “In un nuovo circuito la cosa più importante da fare è familiarizzare con il layout. Chiaramente devi trovare il giusto assetto di base, ma i ragazzi sono sempre molto bravi in tal senso. Vedere i dati della simulazione ti dà una prima idea di quanta velocità porterai in curva, e questo ti aiuta ad aumentare le prestazioni il più rapidamente possibile”.

“Ho fatto alcuni test a Portimao anni fa – ha dichiarato Magnussen. Ricordo come la pista fosse davvero bella: è un circuito difficile e unico con molte curve cieche. Dovrebbero esserci delle parti interessanti per i sorpassi, e il rettilineo è piuttosto lungo. Sarà una nuova sfida, non vedo l’ora. Su un circuito nuovo impari giro dopo giro costantemente. Non smetti mai di migliorare il tempo perché trovi sempre qualcosa in più. I dettagli vengono limati, ma non si smette mai di imparare”.

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati