F1 | Gran Premio del Giappone – Una battaglia e un miracolo

Seb partirà dalla seconda posizione, la monoposto di Kimi riparata in tempo per le qualifiche

F1 | Gran Premio del Giappone – Una battaglia e un miracolo

Suzuka – Un piazzamento in prima fila ha oggi ripagato gli sforzi di Seb, mentre Kimi ha avuto un sabato non facile. Dopo aver sbattuto nella terza sessione di prove alla curva Degner, è scattata nel box una lotta contro il tempo, che ha visto i meccanici della Scuderia Ferrari completare un compito quasi impossibile: ricostruire la monoposto attorno ad un nuovo cambio in tempo per mandarlo fuori in Q1. Kimi partirà con una penalità di cinque posti in griglia, mentre il terzo miglior crono di Seb gli vale comunque la seconda piazza, considerato che anche Valtteri Bottas ha dovuto montare un nuovo cambio sulla sua vettura e dunque dovrà partire più indietro. Seb commenta: “Credo che la macchina sia andata bene oggi e sono contento, ma non era abbastanza per la pole. Nel mio ultimo giro ho provato a spingere forse un po’ troppo, sapendo che Valtteri non era una minaccia grazie alla sua penalità, ma non ha funzionato. Tuttavia, nel complesso, la nostra monoposto è andata bene. Domani dovrebbe essere bel tempo, il che fa la differenza; poi si vedrà. Di solito abbiamo una macchina più forte in gara che in qualifica. Qui è importante avere un assetto ben bilanciato e poi si può sempre tentare qualcosa con i pit-stop. Ho fiducia nella partenza di domani, che sarà un momento importante, ma oltre ciò ci sono tanti giri e la strategia è altrettanto fondamentale. In termini di passo gara, dovremmo essere più vicini ai nostri avversari. Si vedrà domani”. I commenti di Kimi rispecchiano invece una giornata difficile: “La giornata non è iniziata bene uscendo fuori pista in P3, non certo il modo ideale per preparare le qualifiche. Dopo questo episodio tutto si è complicato, ma la squadra ha fatto un ottimo lavoro rimettendo assieme la mia vettura. In qualifica la macchina si è comportata bene, ma è stato tutto un po’ difficile. Il problema maggiore è stato aver girato poco con pneumatici nuovi al mattino. In Q3, quando dovevo spingere davvero, ho fatto un errore nel primo giro un giro abbastanza mediocre nel secondo. Adesso pago il prezzo del mio sbaglio. Dopo aver sbattuto pagheremo di penalità per aver sostituito il cambio. Ovviamente questo complica le cose ancora di più. Domani non sarà facile, ma credo che abbiamo una buona macchina per la gara”.

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati