F1 | Ferrari, Binotto sui team order nel GP di Spagna: “Abbiamo aspettato il momento giusto”

"Devi assicurarti che il pilota alle spalle dell'altro abbia ritmo, altrimenti non ottieni nessun risultato", ha detto il team principal della Rossa

F1 | Ferrari, Binotto sui team order nel GP di Spagna: “Abbiamo aspettato il momento giusto”

Nel Gran Premio di Spagna, disputato domenica sulla pista del Montmelò, la Ferrari si è resa protagonista di una gestione del muretto box non certo tempestiva. Sulla questione è intervenuto il team principal della Rossa Mattia Binotto, affermando invece che gli ordini di scuderia nei confronti di Sebastian Vettel e a Charles Leclerc sono arrivati nel momento giusto.

Non è mai una decisione facile, dall’inizio della stagione abbiamo sempre cercato di ottimizzare i risultati a nostra disposizione – ha sottolineato Binotto, intervistato da Autosport -. Lo abbiamo fatto in passato e l’abbiamo provato nuovamente in Spagna, soprattutto perché i nostri piloti avevano strategie differenti”.

Binotto ha poi aggiunto: “Dovevamo farlo prima? Quando agisci in questo modo devi assicurarti che il pilota alle spalle dell’altro abbia ritmo, altrimenti non ottieni nessun risultato. Per valutare questa mossa potrebbero essere necessari dei giri”.

Piero Ladisa


F1 | Ferrari, Binotto sui team order nel GP di Spagna: “Abbiamo aspettato il momento giusto”
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Ferrari

Lascia un commento

5 commenti
  1. Zac

    14 maggio 2019 at 18:32

    Così il risultato è assicurato: stufato di gomme.

  2. voicelap

    14 maggio 2019 at 20:59

    Caro Mattia, con tutto il rispetto, non arrampichiamoci sui vetri. Perche non ci vogliono giri per capire che se un pilota che deve effettuare ancora una sosta sta approcciando l’altro tuo pilota vhe invece deve arrivare a fine gara, di certo il pilota dietro è piu veloce, senza aver bisogno dei giri di cui parli e il momento giusto per dare l’ordine è uno o due giri PRIMA che gli arrivi sotto, in modo da evitare perdite di tempo inutili di entrambi

  3. Roberto

    15 maggio 2019 at 12:23

    Siete ridicoli al limite del comico. State portando una scuderia storica alla vergogna più totale. Se non siete in grado di comprendere i vostri limiti e i vostri errori allora non ci sono margini per arrivare alla vittoria sugli avversari. State lavorando per magnificare la Mercedes, ora è tutto chiaro. Il Drake vi fulminerebbe per dove avete portato la sua scuderia.

  4. Roberto

    15 maggio 2019 at 12:25

    Mi propongo per lavorare alle vostre strategie GRATIS in cambio delle spese di viaggio, vitto e alloggio e sono arcisicuro di fare meglio di quanto avete fatto vedere fino ad ora. Perchè capisco il vostro errore nel momento esatto in cui si verifica un cambiamento nella gara.

  5. Roberto

    15 maggio 2019 at 12:27

    La posizione di Verdtappen era assolutamente alla portata di Vettel se foste stati più reattivi e con unp spirito più ardito. Con la remissività non si vince nulla. Almeno che non abbiate l’unico interesse di onorare il contratto di Vettel ponendolo davanti al compagno sotto la bandiera a scacchi

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati

News F1

F1 | Penalità Leclerc a Suzuka, la FIA fa chiarezza

L'articolo citato erroneamente nel documento è il 38.3 (d), mentre è stata applicata la sanzione prevista dal 38.3
La Federazione ha voluto chiarire la situazione relativa alla penalità di 10″ rifilata a Charles Leclerc al termine del GP