F1 | Coulthard scommette sulle donne: “Arriveranno in Formula 1”

"Stiamo cercando l'equivalente femminile dei vari Hamilton, Verstappen e Leclerc", ha aggiunto

Coulthard ha parlato della W-Series, rivelando come la serie abbia messo in evidenza una crescita esponenziale durante la sua stagione d'esordio
F1 | Coulthard scommette sulle donne: “Arriveranno in Formula 1”

David Coulthard crede fermamente nella scalata femminile all’interno del circus della Formula 1. In una chiacchierata concessa al sito ufficiale della Formula 1, infatti, l’ex pilota della McLaren ha parlato della crescita avuta dalla W-Series nel corso della passata stagione, sottolineando come il talento femminile sia qualcosa da tenere attentamente sott’occhio, soprattutto se dovessero esserci squadre capaci di investire nella serie.

Coulthard, ricordiamo, è il presidente dell’Advisory Board della W-Series, il primo campionato interamente femminile nella storia del motorsport, e col suo lavoro sta cercando di promuovere le ragazze presenti in questa categoria, sponsorizzandole e supportandole nella loro crescita professionale. Una sfida interessante che lo scozzese intende perseguire con tutto se stesso.

“Abbiamo davvero puntato i riflettori sul talento femminile e penso che ci siano alcuni profili in grado di guidare in Formula 1”, ha affermato David Coulthard. “Stiamo cercando l’equivalente femminile dei vari Hamilton, Verstappen e Leclerc. Se non sei bravo come loro, non hai possibilità di incidere”.

“Con la W-Series voglio portare più donne nel mondo degli sport motoristici”, ha proseguito l’inglese. “Mia sorella ha corso ed è stata molto brava, ma non ha ottenuto il sostegno della mia famiglia, visto che pensavano più a me. E’ una cosa di cui mi pento. Ora voglio aiutare a sostenere il talento femminile e portare più donne nel motorsport. Se sono abbastanza forti, arriveranno in Formula 1”.

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

1 commento
  1. Zac

    25 Agosto 2019 at 11:41

    Abbastanza non è abbastanza, in F1.

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati