F1| Alonso: “Vogliamo una reazione da Honda, il prima possibile”

Il pilota della McLaren alla ricerca di risposte

F1| Alonso: “Vogliamo una reazione da Honda, il prima possibile”

Lo spagnolo ha chiesto alla sua squadra di velocizzare i tempi, dopo gli scarsi risultati dei test con numerosi problemi alla power unit.

Per la terza stagione consecutiva, la McLaren sembra ancora una volta destinata a racimolare qualche punto, piuttosto che dei podi e sembrerebbe addirittura faticare a finire la gara, questa domenica a Melbourne.

Per tutto il periodo di test, la power unit Honda, ha accusato una mancanza di potenza, lasciando così alla squadra inglese uno scarso chilometraggio, insufficiente a conoscere la nuova MCL32.

Durante la conferenza stampa alla quale partecipano i piloti, ogni giovedì prima del weekend motoristico, a Fernando è stato chiesto qual è il suo obiettivo per questa stagione. Ecco le sue dichiarazioni:

“Avere una buona posizione in campionato, fare dei podi e vincere. Questo in genere è quello a cui si punta quando si inizia una stagione e quando corri per un grande team come la McLaren. Sarebbe un sogno, ma sappiamo che sarà difficile, a giudicare dai test”.

Nando ha aggiunto che la strada è ancora lunga per ambire a dei risultati dignitosi, ed è per questo che ha chiesto alla Honda di dare una reazione al più presto possibile.

“Non conosco i dettagli su cui migliorare, sicuramente ci sono molte problematiche dietro ma dobbiamo sbrigarci ed arrivare al livello dei nostri avversari”.

Nando si è detto deluso, in quando si è impegnato molto per essere pronto ad affrontare il campionato 2017:

“E’ frustrante, ho lavorato molto sulla mia preparazione fisica, mi sento bene e voglio guidare come so fare. Ma è davvero deprimente, non riuscire nemmeno a fare 10 giri consecutivi nei test. Però, non possiamo farci nulla, dobbiamo soltanto lavorare e non mollare. Questa è la Formula 1, nessuno ti aspetta. Non è un gioco di beneficienza!”.

Jessica Cortellazzi

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati