Daniel Ricciardo: “L’obiettivo era la prima fila; contento di avere superato almeno una Mercedes”

Il pilota Red Bull partirà tra le due Frecce d'Argento in seconda posizione

Daniel Ricciardo: “L’obiettivo era la prima fila; contento di avere superato almeno una Mercedes”

Assente Lewis Hamilton dalla prima fila ci si è subito infilata la Red Bull di Daniel Ricciardo a Singapore. Il pilota australiano partirà così a fianco del poleman Nico Rosberg, che ha staccato la RB12 di ben mezzo secondo. Nonostante il gap consistente, la monoposto di Milton Keynes nei giorni scorsi ha però già mostrato un passo gara molto promettente e inoltre, la partenza su gomma supersoft, diversamente dal resto della top ten con la ultrasoft, potrebbe garantire un vantaggio in termini di strategia.

“Sono abbastanza contento oggi, il mio obiettivo era di conquistare la prima fila: cercare di stare davanti alla Mercedes sarebbe stato l’ideale ma comunque è bello riuscire quantomeno a superarne una”, ha ammesso Ricciardo in conferenza stampa. “Abbiamo fatto dei miglioramenti tra le Libere e le Qualifiche. Stavo cercando il giusto assetto tra una prova e l’altra e alla fine lo abbiamo trovato in Qualifica”.

“Abbiamo trovato il ritmo e in Q2 siamo riusciti a qualificarci con le SS, le gomme con cui partiremo in gara. Pensiamo sia positivo e vedremo se farà la differenza domani. L’ultimo giro nel Q3 è stato davvero pulito. Non buono come quello di Nico però sufficiente per una prima fila”, ha concluso il driver di Perth.

Leggi altri articoli in Interviste

Lascia un commento

3 commenti
  1. stefanoabbadia

    17 Settembre 2016 at 21:28

    Tanto di cappello, questi risultati sono possibili solo quando un team é ben composto,ben gestito, e ben diretto dalla proprietà. La RB nel 2014 era messa pure peggio della Ferrari, a differenza di quanto fatto da LCDM, la proprietà di RB non ha preso decisioni isteriche ma ha riflettuto e con fatica ha gettato le basi per risalire la china, la Renault ha lavorato..l’ufficio tecnico RB pure e senza licenziare nessuno..idem Renault dove Abiteboul é ancora al timone. Ferrari invece per mano di LCDM fece in pratica fuori Domenicali (che siccome era incapace ??é subito stato assunto in Audi e ora al comando di Lamborghini) poi ha fatto fuori il progettista della PU Marmorini senza capire che le colpe non erano sue…prima aveva fatto fuori Aldo Costa (artefice del progetto Mercedes(…poi finalmente altri subentrati a LCDM hanno levato MATTIACCI che era un vero disastro…e quindi Fry E Tombaziz..poco fa Allison…purtroppo ora sono rimasti senza nemmeno il progettista sia del motore (Binotto non ha mai progettato un motore) che di telaio…un vero disastro in previsione 2017..che pone gia a rischio il 2018!!!!

    • mluder

      18 Settembre 2016 at 09:42

      Piccola precisione: Allison ha fatto richiesta di lasciare la Ferrari per stare più vicino ai figli, dopo la morte di sua moglie. Nessuno l’ha licenziato. Ferrari stava realmente raggiungendo le Mercedes, almeno ad inizio mondiale in gara

  2. stefanoabbadia

    18 Settembre 2016 at 12:38

    Piccola precisazione: Allison era gia ai ferri corti a meta Aprile…Marchionne aveva gia dato mandato per cercare di ingaggiare sia Costa che il progettista della Toro Rosso..Key….leggere sul web interviste al riguardo..poi la disgrazia famigliare ha fatto precipitare la situazione ma il destino di Allison era gia segnato da tempo..lo stesso Marchionne ai microfoni Rai disse: Abbiamo sbagliato avremmo dovuto sostituire Allison molto prima…

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati