Caso Hockenheim: Todt nega pressioni dalla Ferrari

Caso Hockenheim: Todt nega pressioni dalla Ferrari

Jean Todt, presidente della Fia, ha negato di aver ricevuto qualsiasi tipo di pressione dalla Ferrari in merito alla decisione presa durante il World Motor Sport Council di non punire la scuderia per gli ordini impartiti nella gara di Hockenheim.

Todt ha risposto ad uno stuolo di giornalisti che ipotizzavano un collegamento importante e tuttora esistente tra la scuderia ed il suo ex direttore sportivo. Ricordiamo che nel 2002, durante il gran premio di Austria, fu lo stesso Todt ad impartire a Barrichello il medesimo ordine nei confronti del compagno Schumacher.

Todt ha specificato a tal proposito: “Non sono ne a favore ne contro gli ordini di scuderia, dipende dalla situazione. Si tratta di una discussione vecchia. Dopo quello che è successo in Germania tra Massa e Alonso la questione è stata riaperta e abbiamo deciso di formare una commissione per ridefinire le norme. L’idea è quella di fare un regolamento chiaro e trasparente”.

Quindi ha continuato definendo pazzi coloro che ancora credono alle pressioni Ferrari: “..coloro che credono ancora a questo legame sono pazzi. Adesso sono presidente della Fia e faccio del mio meglio per l’organizzazione, indipendentemente dagli interessi particolari degli altri”.

Difficile stabilire se un legame vero e proprio ci sia ancora tra Maranello ed il suo ex team principal. Sicuramente la Ferrari avrà cercato di far sentire la sua voce, come del resto le influenze che tutte le grandi squadre del Circus vogliono avere ma c’è da dire che nel caso specifico Todt uscì dall’orbita Ferrari a fine 2008, da amministratore delegato, e le parti non si lasciarono nel migliore dei modi.

Roberto Ferrari

Leggi altri articoli in Focus F1

Lascia un commento

8 commenti
  1. iorek

    23 Settembre 2010 at 15:42

    CHE VUOL DIRE CHE LE PARTI NON SI SONO LASCIATE NEL MIGLIORE DEI MODI ??? NON SAPEVO DI PROBLEMI IN TAL SENSO…..

    Comunque questa era una decisione scontata, solo lauda ipotizzava chissa cosa.

  2. Quetzlacoatl

    23 Settembre 2010 at 16:31

    Ahhahhahhaha ma con una faccia da Alvaro Vitali così come non crederli… e magari avesse aiutato alla Ferrari lo avrebbe detto bellamente ai giornalisti vero?? LOL 😀 …

    e poi se dovessero decretare gli ordini di scuderia illegali dovrebbero togliere almeno tre mondiali al cricco…

    meglio che sia finita così a tarallucci e vino come tradizione italiana vuole…

  3. Sembee

    23 Settembre 2010 at 18:38

    Una sola parola: BUFFONE!!!

    E’ uno scandalo avere Todt presidente FIA, che é il figlioccio politico di Mosley, e come da tradizione del predecessore é anch’egli (anzi, di più) uno schiavo Ferrari: di Mosley tutti ricordano solo l’ultimo anno con lo scontro sul budget cap, ma dimenticano i 20 anni precedenti fatti di favoritismi sfacciati e senza ritegno alla Ferrari!

    E adesso come presidente c’é l’ex AD della Ferrari, ma ci rendiamo conto?
    E’ come avere Ron Dennis o Patrick Head presidenti FIA: come é possibile anche solo pensare che siano imparziali???

  4. Motore Asincrono Trifase

    23 Settembre 2010 at 19:01

    montezemolo: todt, via dalla ferrari
    todt: col fischio o senza?

    e cosa si aspettavano i giornalisti che dicesse? Si la ferrari ci ha pressato per avere l’assoluzione. In passato tutti sanno come la ferrari per avere regole privilegiate piu’ soldi e il diritto di veto sulle regole abbia piu’ volte minacciato di lasciare la f1.òEd ha sepre ottenuto quello che chiedeva

  5. Manu

    23 Settembre 2010 at 19:37

    azz e meno male che i complottisti esistono solo in Ferrari!

  6. vincenzo

    24 Settembre 2010 at 00:12

    Certo che in una disciplina dove in maggioranza sono presenti team inglesi,parlare di favoritismi a Ferrari è grossa,comunque ognuno ha le sue ipotesi e opinioni e anche informatori 🙂 🙂 🙂

  7. GILLES

    24 Settembre 2010 at 02:15

    Mi sa che tutti voi avete un po’ la memoria corta. Vi ricordate per caso di una certa spy storie tra Mclaren e Ferrari? E vi ricordate come fini’? E di tutti i favoritismi scandalosi ad Hamilton quest’anno? E poi se nn erro negli ultimi 20 anni hanno vinto 6 mondiali piloti la Ferrari e 5 la Mclaren nn vedo tutti questi favoritismi. Cmq vi conviene informarvi prima di buttare fango sulla scuderia che ha fatto la storia dell’automobilismo.

  8. Ingenuo

    24 Settembre 2010 at 08:50

    @ Manu
    No i complottisti sono fuori dalla ferrari.
    Alla ferrari hanno solo i vittimisti…

    Ribadisco alcuni concetti un po’ da figlio di complottisti e di paranoici… anche da vittimista ferrari

    Scandalo Spy Story 2007: chi ci ha rimesso? Ron Dennis
    Crash Gate Singapore 2008: chi ci ha rimesso? Flavio Briatore
    Ulmimamnte eccesso di zelo nel giudicare i piloti ferrari e tutto ciò che fa la casa del cavallino rampante: quindi riduzione potere decisionale della stessa

    Cosa vi dice il triunvirato Montezemolo-Dennis e Briatore? A me FOTA
    FOTA uguale a campionato alternativo che è uguale meno entrate per il circus della F1
    Tagli le tre teste del serpente avrai stroncato la FOTA.

    Ammetto che per concepire questa teoria ci voglia molta fantasia però ci sono due o tre cose che non mi quadrano:
    Crashgate che Briatore sia colpevole o meno l’incidente era controllato e la radiazione dal mondo delle corse mi sembra eccessivo come punizione anche perché era stato fatto senza nessuno inzona e comunque senza che nessuno si sia fatto male compreso Piquet

    Spy Story: che Couglan abbia rubbato progetti alla ferrari oppure no laa mclaren ne ha ricavato solo (a livello sportivo) la squalifica del mondiale costruttori mentre la Tyrrell nel 84 per molto meno ricevette la squalifica e l’annullamento di tutti i punti
    E come mai la spystory tra force india e lotus non interessa quasi nessuno?
    Ho finito con le mie teorie complottistiche degne di una puntatata “ai confini della realtà…” … o è tutto vero?!? Alla storia l’ardua sentenza

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati