Button: Il Kers ci darà un vantaggio

Button: Il Kers ci darà un vantaggio

Jenson Button crede che la McLaren il prossimo anno disporrà un vantaggio rispetto alle rivali Ferrari e Red Bull derivato dall’ottimo funzionamento del sistema Kers. L’inglese spiega che il sistema messo a punto dalla Mercedes è particolarmente efficace ed era ben sviluppato già lo scorso anno, il suo sviluppo, rivela, non sarebbe mai stato interrotto dai tecnici di Stoccarda.

Button: “Il prossimo anno non avremo l’F-Duct, è un peccato perché il nostro era un grande sistema, ma in compenso avremo il Kers. La squadra lo usava già lo scorso anno e bene. Io non ho mai guidato con il Kers ma loro hanno una grande esperienza e per noi, così come per Mercedes Gp e Force India, sarà un vantaggio nei confronti della concorrenza”.

Secondo il campione del mondo uscente le modifiche tecniche previste per il prossimo anno con l’introduzione dell’ala posteriore mobile e l’abolizione della regolazione del flap anteriore, potrebbero rendere molto difficoltoso trovare l’equilibrio della vettura: “Passeremo dai 150 kg di carburante alla partenza ai 5 dell’arrivo: sarà difficile trovare l’equilibrio giusto senza la possibilità di regolare l’ala anteriore, vedremo auto più difficili da gestire”.

Jenson ha detto che lo sviluppo della vettura del 2011 procede regolarmente e che, non essendoci grandissimi cambiamenti regolamentari, si aspetta di ritrovare una monoposto competitiva che gli permetterà di lottare alla pari con gli avversari di quest’anno.

Roberto Ferrari

Button: Il Kers ci darà un vantaggio
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

31 commenti
  1. Davide

    26 novembre 2010 at 17:01

    Il kers non sarebbe male come idea, ma solo se fosse utilizzato da tutti.
    Il fatto che verrà utilizzato solamente da McLaren, Ferrari, Mercedes e Force India rischia di creare due campionati in uno.

  2. Mik

    26 novembre 2010 at 17:50

    Allora, l’ala mobile si può usare per tutta la gara, a patto che in un rilevamento immediatamente precedente in un punto predeterminato del circuito ci sia meno di 1 secondo di distacco dalla vettura che precede. Quindi se la regola non avrà modifiche, secondo me si potrà usare dal primo segmento di circuito utile dopo tale rilevamente (sostanzialmente sin dal primo giro, ma dal secondo settore in poi).

    Il vantaggio quindi non è solo nella fase di sorpasso. Anzi, l’ala potrebbe anche permettere a una vettura più lenta di 1-2 decimi a giro, per merito della maggior velocità di punta su circuiti con parecchi tratti rettilinei, di colmare quel gap e restare tutta la gara attaccata o addirittura in battaglia con l’auto concorrente.

  3. Federico Barone

    26 novembre 2010 at 20:03

    Insomma, una gran bella idiozia.
    Non escludo che il momento del mio ritiro (dal posto sul divano davanti al teleschermo) si avvicini… :-((

  4. sc

    26 novembre 2010 at 22:01

    secondo me con il kers non cambierà nulla anche se lo usassero tutti…visto che come si e visto l anno scorso verrà usato in determinati punti del tracciato e quindi…mentre un pilota aziona il kers x sorpassare l altro pilota lo ha a sua volta azionato per difendersi e quindi tutto come prima..

  5. altair

    26 novembre 2010 at 22:06

    “Davide
    . Il kers non sarebbe male come idea, ma solo se fosse utilizzato da tutti.
    Il fatto che verrà utilizzato solamente da McLaren, Ferrari, Mercedes e Force India rischia di creare due campionati in uno.”

    mi pare che sarà obbligatorio per tutti.

  6. mauro

    26 novembre 2010 at 23:21

    invece del kers avessero introdotto nuovi motori di piccola cilindrata 1000cc turbo esasperati al massimo via tutte ali alette e subito effetto suolo

  7. Rincitrullito

    27 novembre 2010 at 10:32

    Il Kers sarebbe una bella trovata se avesse solo restrizioni di dimensioni, con potenza, tempo di utilizzo, peso e materiali illimitati. Per l’ala posteriore mobile mi sembra un’idea brutta in partenza.

  8. Rincitrullito

    27 novembre 2010 at 10:35

    @ Mauro.
    Hai ragione. Motori piccoli e super spinti. Dovremo attendere qualche anno ancora per modifiche ai propulsori; allora mi chiedo “anche quelli saranno congelati per anni come ora?” FOLLIA PURA

  9. Davide V.

    27 novembre 2010 at 16:17

    il kers?cagata pazzesca,se tutti lo attivano allo stesso momento (come mi aspetto da un pilota professionista) dove sta il vantaggio?intedo dire, che è chiaro che i piloti conoscano bene quali siano i punti migliori per attivarlo,e quindi dove risiede il vantaggio?è chiaro che tutti lo attiveranno nello stesso punto del circuito.
    Io continuo a dirlo,vogliamo una bella formula 1 con tanti sorpassi?
    Via tutta l’elettronica,si torna al cambio manuale,motori turbo e niente più regola di 8 motori in unastagione,ormai per guasti meccanici non si ritira più nessuno.
    Rimpiango gli anni ’80 in cui anche fenomeni come Senna o Prost difficilmente arrivavano al traguardo per 5 gp di fila senza avere qualche sorta di problema tecnico.
    Ah,e permettetemi di aggiungere che rivoglio i vecchi circuiti (migliorati per la sicurezza,ci mancherebbe) ma non queste pippe di circuiti di Tilke che sono tutti uguali!

  10. nix

    28 novembre 2010 at 18:43

    L’utilità ,in fase di sorpasso, di kers + ala post a geometria variabile su una F1 è tutta da dimostrare. Essendo il regime max limitato a 18.000 rpm, o si usa una 7a + lunga (e si viene penalizzati quando non si possono usare questi due artifici) oppure non si riesce ad ottenere una maggiore velocità di punta ma solo una migliore progressione. Oltretutto il kers lo può utilizzare sia chi attacca sia chi si difende. Molto + intelligente sarebbe stato limitare le potenze mediante flangia invece che con il limitatore di giri.

  11. francesco

    29 novembre 2010 at 14:56

    il kers come disse Alonso l’anno scorso non da dei vantaggi cospiqui apparte piste velocissime come spa e monza

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati

Amarcord

F1 | Quando nel 2011 il GP del Bahrain fu annullato

Doveva essere la gara inaugurale del Mondiale, ma la situazione delicata del Paese portò alla decisione della cancellazione
Seconda prova del Mondiale di Formula 1, il GP del Bahrain si corre dal 2004 presso il Bahrain International Circuit, a