Briatore: “Giusto lo scambio Alonso-Vettel”

Massa: "Alonso aveva già provato a lasciare Maranello"

Briatore: “Giusto lo scambio Alonso-Vettel”

Lo scambio Alonso-Vettel a fine stagione 2014 è certamente da annoverare tra le “transazioni” a più alto profilo tra piloti del Circus nella storia della F1.
Secondo Flavio Briatore, che anche dopo i due titoli conquistati insieme alla Renault ha continuato a seguire la carriera del pilota spagnolo, l’addio di Alonso alla Ferrari è stato il naturale epilogo di una storia che ormai non aveva più motivo di esistere: in F1, cinque anni e nessun mondiale sono una ragione sufficiente per lasciarsi.

Felipe Massa, ex compagno di box dell’asturiano, ha rivelato che un Alonso ormai frustrato covava già “da due o tre anni” il desiderio di andarsene da Maranello. “Forse l’anno scorso la macchina non era buona e non c’erano i risultati, ma lui ha continuato comunque a combattere provando a cambiare il team”, ha aggiunto il brasiliano parlando di Alonso dalle pagine ufficiali del sito F1. “Ma il team stava già subendo una profonda trasformazione interna e hanno deciso di cambiare anche il pilota”.

Ai microfoni di Radio Rai, Briatore concorda con Massa che la nuova accoppiata Vettel-Raikkonen è comunque un buon investimento. “Penso che il cambio di piloti sia stato corretto”, ha commentato l’ex boss di Renault. “Vettel porta qualcosa di diverso alla Ferrari e aiuta a motivare un gruppo di lavoro completamente nuovo in termini di gestione. Sebastian è bravo ma è difficile per il driver dare un vero contributo. I piloti possono dire ‘questo funziona’ e ‘questo non funziona’ ma il loro coinvolgimento era più forte in passato quando motori e aerodinamica erano meno complessi”.

Comunque sia, lo scambio ha riportato il sorriso sulla faccia di Vettel – un po’ meno su quella di Alonso, al momento alle prese con una monoposto che per ora il più delle volte non vuole saperne nemmeno di partire – e la nuova atmosfera che si respira all’interno della squadra è stata evidente già durante primi test pre-stagionali.

Sergio Marchionne ha minimizzato le affermazioni del team principal Arrivabene, che aveva parlato di un “corteggiamento” a Vettel per strapparlo alla Red Bull. “Non è vero, gli ho semplicemente chiesto di venire da noi”, ha assicurato Marchionne. “Sebastian è un vero ferrarista quindi non c’è voluto molto a convincerlo”, ha aggiunto il presidente della rossa.

Ma nonostante il debutto non proprio perfetto, Alonso sembra non avere alcun rimpianto di essere passato dal rosso Ferrari al grigio McLaren. “Sono molto contento. Davvero, davvero contento”, ha sottolineato il neo assunto a Woking al quotidiano spagnolo AS, durante gli ultimi test a Barcellona.
“Sono felice di tutto quanto, del progetto e di essere parte di qualcosa di successo come il binomio McLaren-Honda. La scorsa settimana ho guidato la MP4-4 di Senna del 1988: avevo il poster di quella macchina nella mia camera e un kart dello stesso colore”, ha rivelato Alonso.

“La scorsa settimana sono volato in Giappone e ho visto di nuovo il progetto e le risorse che hanno a disposizione. Non ho alcuna preoccupazione a riguardo. So che ci sono diversi problemi iniziali, molte cose da sistemare e migliorare, ma se voglio vincere un mondiale so anche che devo stare qui, sia che ci vogliano uno, tre o cinque anni”, ha aggiunto Alonso.

Nina Stefenelli

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

5 commenti

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati