“Ayrton Senna. L’ultima notte” – All’autodromo di Monza una mostra sulla vita del campione

L'esposizione si terrà dal 17 febbraio al 24 luglio

“Ayrton Senna. L’ultima notte” – All’autodromo di Monza una mostra sulla vita del campione

I tifosi di Beco avranno presto ulteriore pane per i loro denti.

Dal 17 febbraio al 24 luglio all’autodromo di Monza sarà allestita una mostra dal titolo “Ayrton Senna. L’ultima notte” ispirata al libro “Suite 200” sulle ore appena antecedenti al tragico GP di Imola scritto dal giornalista Giorgio Terruzzi, di cui non mancheranno le note.

Un centinaio inoltre le fotografie di Ercole Colombo, co-curtatore dell’esposizione, che racconteranno l’intera carriera del tre volte iridato, dagli esordi all’ingresso in F1, poi le vittorie e le sconfitte storiche, gli amici e i rivali, Alain Prost su tutti, gli amori, la fede e la famiglia.

Tra i pezzi pregiati il kart originale del 1982 con cui il driver di San Paolo ha messo a segno i suoi primi successi.

Il percorso è stato ideato, prodotto e organizzato da ViDi in collaborazione con il circuito brianzolo e il Consorzio Villa Reale e Parco di Monza.

Chiara Rainis

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

3 commenti
  1. morriss

    morriss

    29 gennaio 2016 at 23:40

    GRANDE MAGICO IMMENSO Ayrton……….. Semplicemente il migliore, difficile poter dire che schummy avrebbe vinto cosi tanto con lui in pista. Ma troppe volte il destino è crudele strappandolo ai tanti ma tanti tifosi che lo adoravano. Ciao Senna ora si “sopravvive” guardando i GP, quando lui correva era adrenalina pura, e chi lo ha visto correre non può dimenticarlo!!!

    • morriss

      morriss

      30 gennaio 2016 at 12:09

      1 grazie alla redazione e chiara, che ne ha pubblicato l evento. Oramai sono passati tanti anni, ma chi come me ha “vissuto” l avvento in F1 di ayrton e ne ha apprezzato il suo indiscusso valore fa sempre piacere che venga ricordato. Piloti cosi non arrivano sempre!!!

      • Chiara Rainis

        30 gennaio 2016 at 15:47

        grazie a te morriss

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati