Alonso: “Il miglior quarto posto in griglia della mia carriera”

Lo spagnolo soddisfatto del risultato dopo l'incidente con Kvyat

Alonso: “Il miglior quarto posto in griglia della mia carriera”

Fernando Alonso ha detto di non essere mai stato così felice del quarto posto su una griglia di Formula 1, dopo il contatto con Daniil Kvyat che danneggiato la sua Ferrari nelle qualifiche del Gran Premio della Malesia.

La Ferrari e la Toro Rosso si sono toccate alla curva 4 all’inizio della Q2.

La Ferrari è stata in grado di riparare la vettura in tempo per permettere ad Alonso di riprendere, aiutato da una breve bandiera rossa per recuperare i detriti dell’incidente.

“Sono così felice di questa qualifica – è probabilmente il miglior quarto posto nella mia carriera”, ha detto Alonso.

“E’ stata una qualifica così caotica, soprattutto alla fine con una vettura che è stata danneggiata.”

“Nelle curve a destra riuscivo a muovere il volante con un dito e in quelle a sinistra non potevo nemmeno muoverlo con entrambe le mani.”

“Quindi era molto pesante su un lato e molto leggero dall’altro, e questo in condizioni di bagnato non e’ il modo più semplice per guidare la macchina.”

“Siamo riusciti a mettere la macchina in pista per completare i giri e quei giri sono stati abbastanza per il quarto posto e quindi dobbiamo essere molto felici.”

Alonso ha ammesso di non aver visto Kvyat , ma ha anche suggerito che il russo e’ stato troppo aggressivo.

“Ovviamente è stata una situazione spiacevole, posto sbagliato al momento sbagliato”, ha detto Alonso.

“Io non l’ho visto, questa è la verità. Ho girato e ho sentito solo il colpo.”

“Non ho visto un replay e quindi non so da dove provenisse, se era in ritardo di frenata non lo so.”

“Sicuramente è stata una sorpresa sul giro di uscita con queste condizioni di visibilità avere questo tipo di attacchi.”

Kvyat ha detto di aver discusso la collisione.

“Ne abbiamo parlato. E’ molto semplice. Pensavo mi stesse lasciando passare. Ma alla fine è OK.”

Leggi altri articoli in Gran Premi

Lascia un commento

11 commenti

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati