Red Bull, Ricciardo: “La seconda fila è un buon punto di partenza”

Kvyat: "Siamo usciti un po' troppo in anticipo per il giro finale"

Red Bull, Ricciardo: “La seconda fila è un buon punto di partenza”

Red Bull in ripresa a Sepang, con Ricciardo quarto davanti al compagno di squadra Kvyat. Entrambi i piloti si sono guadagnati così un posto nella top five, confermando i passi in avanti fatti in termini di affidabilità e guidabilità rispetto alla deludente partenza australiana. Forse è ancora presto per andare a prendere Mercedes e Ferrari, ma intanto il duo di Milton Keynes ha preceduto le due Williams di Grove, e domenica spera di chiudere nella zona alta della classifica.

“Siamo sempre andati abbastanza bene sul bagnato e ci sono ancora alcuni punti in cui possiamo migliorare”, ha dichiarato Ricciardo a fine giornata, definendo il suo quarto posto un risultato “soddisfacente” per la squadra.

“La seconda fila è un buon punto di partenza e speriamo ci saranno un po’ di battaglie in pista domani. Siamo dietro a Mercedes e Ferrari, ma abbiamo chiuso anche davanti alle Williams in condizioni per nulla facili oggi, quindi è un buon segno. Passo dopo passo stiamo migliorando e andando nella giusta direzione. Il degrado delle gomme sarà alto e con tutta probabilità effettueremo tre soste. Se riusciamo a chiudere nei primi quattro sarà un buon risultato”, ha concluso speranzoso il pilota australiano.

“La Qualifica non è andata male: quarto e quinto posto è un buon risultato per il team, anche se penso che nel nostro giro finale forse siamo usciti un po’ troppo in anticipo”, ha ammesso Kvyat, che avrebbe preferito attendere ancora qualche minuto prima dell’ultima uscita in pista.

“Comunque sia, è sempre difficile sapere quale sarebbe stato il momento ideale quando ci si trova in simili condizioni meteo. Nel complesso ci sono diversi aspetti positivi in questo weekend e stiamo vedendo dei miglioramenti sulla vettura. E’ un buon inizio per noi”, ha aggiunto il pilota russo.

Leggi altri articoli in Interviste

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati