Pirro: “La Ferrari è in grande crescita, ma attenzione ad aspettarsi troppo” [VIDEO INTERVISTA]

"Per il 2016 tecnicamente cambierà poco, i protagonisti saranno gli stessi"

Pirro: “La Ferrari è in grande crescita, ma attenzione ad aspettarsi troppo” [VIDEO INTERVISTA]

Chiusa la stagione 2015, è arrivato il momento di guardarsi un po’ alle spalle e poi subito davanti a noi. In occasione di un evento organizzato da Continental abbiamo avuto l’occasione di intervistare Emanuele Pirro, cinque volte campione della 24 Ore di Le Mans e con un passato in Formula 1, attivo dal 1989 al 1991 con Benetton e Dallara e a punti nel GP d’Australia ’89 e a Montecarlo ’91. Abbiamo parlato proprio di come si è conclusa la stagione attuale, con la vittoria di Hamilton e la lunga rincorsa di Rosberg, terminata forse troppo presto

Si parla ovviamente anche del futuro e della Ferrari. Pirro conferma i grandi passi avanti che la Rossa ha mostrato a tifosi e addetti ai lavori, in particolare per merito di Vettel. Secondo il cinque volte dominatore di Le Mans, infatti, l’arrivo del tedesco a Maranello ha portato un entusiasmo che da un po’ di tempo non si vedeva dalle parti del Cavallino Rampante e i risultati si sono subito visti. Occorre però fare attenzione a non sbilanciarsi troppo e a non pretendere la luna già dal 2016, in quanto la Mercedes sarà ancora la squadra da battere e vi sono alcune squadre che sono chiamate ad un pronto riscatto dopo un 2015 sotto tono, come ad esempio la Williams.

Vi lasciamo a questo punto alla nostra intervista esclusiva. Vi ricordiamo che potete iscrivervi al nostro canale YouTube cliccando qui per essere sempre aggiornati sul mondo della Formula 1 e dell’automotive in generale.

Lorenzo V. E. Bellini

Leggi altri articoli in Interviste

Lascia un commento

6 commenti
  1. Marcocelli

    4 Dicembre 2015 at 19:12

    Entusiasmo Vettel un par di p@lle.
    La Ferrari ha finalmente messo a punto la nuova galleria del vento ed iniziato ad usare i nastri prova della AVL, … con cui, appunto, NON aveva mai collaborato prima.
    Quando queste cose le chiedeva Montezemolo, gli rispondevano sempre picche dai piani alti.
    Comunque nonostante una Ferrari 2015 veramente eccezionale, con il pilota di punta, siamo riusciti a conquistare solo un lontano 3 posto in classifica.
    Alonso al caro Hamilton il mondiale glie lo avrebbe fatto sudare sette camice e quantomeno fino all’ultima gara, altro che la pipp@ con i gradi tedesca.

  2. Federico Barone

    4 Dicembre 2015 at 23:58

    Marcocelli, sei uno spasso! 😀

    Io sono d’accordo con Pirro sul fatto che nel 2016 la favorita sarà (naturalmente) ancora la Mercedes, perchè il vantaggio tecnologico che hanno è ancora notevole. Non mi aspetto una Ferrari che possa lottare per il titolo.

    Preferisco comunque una stagione con 3 vittorie ad una senza successi.

    E per essere sinceri, la Ferrari veramente eccezionale l’hai vista solo tu. Alonso? È inutile rimpiangerlo: ci ha provato per troppi anni e non aveva (giustamente) più voglia di lottare inutilmente per un 3° posto senza gloria. Lui ha fatto bene a cambiare aria e la Ferrari pure ad interrompere la collaborazione con il campione spagnolo (senza sufficienti motivazioni ormai). Nuova vita per entrambi e tutti sono felici e contenti. Oppure no?

    • 12cilindri

      5 Dicembre 2015 at 13:18

      concordo con quanto hai detto, ma bisogna essere più ottimisti,sicuramente la mercedes sarà la macchina da battere,ma penso che la ferrari sarà piu’ vicina nel 2016.

    • Marcocelli

      5 Dicembre 2015 at 23:15

      Ti ringrazio per lo spasso … 😀
      Però mi perdonerai se non sono molto d’accordo sulla Mercedes ancora in cima.
      Io dico che in tal senso l’ago della bilancia è appeso sul nuovo compound delle gomme (se Ecclestone vuole …)
      e non mi stancherò mai di rammentare i nuovi punti cardine della rinnovata Ferrari, ovvero:
      1) Nuova galleria del vento
      2) Nastri prova AVL
      3) L’inciucio studiato a tavolino con il nuovo Team Haas
      4) Più soldi fatti convogliare furbamente e in dictat dal nuovo presidente

  3. bobbyf1

    6 Dicembre 2015 at 19:23

    Ho capito un altro anno perso, ora si vince prima sulle carte e poi in pista peccato

    • Francesco

      7 Dicembre 2015 at 18:09

      “…ora si vince prima sulle carte e poi in pista peccato…”

      ORA???!!! mi spiace fartelo notare, ma è già qualche anno, forse dai tempi della BrawnGP, vedi tu…

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati

Ferrari

Emanuele Pirro: “Schumi jr in Ferrari? Sarebbe una bella favola”

"Raccomandato? Il mondo del racing è ancora abbastanza meritocratico. La sua attività principale dovrà essere il campionato di F2 con Prema", ha detto l'ex pilota italiano a Repubblica
Emanuele Pirro, in un’intervista rilasciata al quotidiano Repubblica, ha parlato del possibile ingaggio di Mick Schumacher da parte della Ferrari che di fatto lo