Massa: “Una penalità ingiusta. Non sono stato l’unico a tagliare la linea bianca”

"Questi pensano di avere tutto il potere e possono fare tutto quello che vogliono"

Massa: “Una penalità ingiusta. Non sono stato l’unico a tagliare la linea bianca”

Felipe Massa crede che di non aver fatto niente di sbagliato durante il Gran Premio del Brasile, ed è stato fortemente critico dei funzionari FIA per la penalità inflittagli.

Il pilota della Ferrari, nella sua ultima gara per la squadra italiana prima di passare alla Williams, ha ricevuto una penalità drive-through per aver attraversato oltre la linea che delimita l’ingresso della pit lane nel corso della gara, non rispettando le direttive del direttore di gara Charlie Whiting in vista del fine settimana.

Massa era in lotta per il quarto posto in quel momento, e considera la sanzione ingiusta.

“E’ stato davvero un peccato. Stavo facendo una grande gara”, ha detto Massa. “E poi, all’improvviso, ho ricevuto una penalità drive -through per aver tagliato la linea bianca che delimita la corsia box sul rettilineo principale.”

“Non ho fatto nulla di male. Non ho sorpassato auto al di fuori della pista. Davvero un peccato.”

“Questi pensano di avere tutto il potere e possono fare tutto quello che vogliono. Un peccato più per loro, non per me. Tutti hanno visto. Sono sicuro che non ero l’unica auto a farlo.”

“Penso che sia stato abbastanza inaccettabile, ad essere onesti. Sono sicuro che non ero l’unica macchina che ha attraversato quella linea, ma ero l’unica auto che ha ottenuto un drive-through per questo.”

Massa ha finito con il settimo posto, ma calcola che un posto sul podio sarebbe stato possibile, come ha rivelato il compagno di squadra Fernando Alonso che aveva accettato di lasciarlo passare se era in grado di finire tra i primi tre.

“La mia gara di oggi sarebbe stato il quarto posto e forse terzo, Fernando stava forse avrebbe rallentato per farmi passare”, ha detto Massa. “La gara poteva finire con un risultato molto migliore, ma e’ stata comunque molto emozionante.”

“Sicuramente sono più felice ora che in gara perché era la mia ultima gara in una Ferrari.”

“Dovrò abituarmi a stare in un colore diverso, ma ho anche bisogno di dire grazie a tutti coloro con cui ho lavorato, tutti quelli che mi hanno dato l’opportunità di correre per la Ferrari.”

Leggi altri articoli in Gran Premi

Lascia un commento

39 commenti

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati