Kimi Raikkonen fiducioso per un adattamento rapido alle gomme Pirelli

Kimi Raikkonen fiducioso per un adattamento rapido alle gomme Pirelli

Kimi Raikkonen è ottimista riguardo le sue chances di un adattamento rapido alle gomme Pirelli, quando farà il suo ritorno in F1 con la Lotus nel 2012.

L’ultima volta che Raikkonen ha giudato in F1 nel 2009 le coperture erano le Bridgestone, ed avevano caratteristiche molto diverse rispetto alle Pirelli. Questanno le P Zero sono state progettate per degradarsi velocemente e questo ha messo in difficoltà alcuni piloti, tra cui Mark Webber.

Il finnico ritornerà al volante di una F1 con meno conoscenza delle Pirelli rispetto a molti dei suoi rivali, ma ha annunciato che questi ultimi non lo preoccupano, evidenziando anche il fatto che ha vinto il campionato del mondo nel 2007 con le Bridgestone dopo 5 anni con coperture Michelin(alla Mclaren).

“La grande differenza è che le gomme richiedono molto tempo nell’apprendimento della modalità migliore per sfruttarle al massimo” dice Raikkonen. “Per me è stato molto difficile quando mi sono spostato dalle Michelin alle Bridgestone. Non ho guidato una F1 (e di conseguenza anche le gomme ndr) per due anni, ma nel frattempo non mi sono adattato in maniera particolare ad altro, per questo credo che per me sarà più facile del 2007. Ho parlato con il mio amico Pedro de la Rosa e da quello che mi ha detto, le Pirelli sono ottime, con un buon grip, il che per me è importante.”

“Poi posso guidare la vettura di quest’anno con le gomme della GP2 per prendere confidenza. Non conosco ancora il calendario dei test ma quando la nuova vettura arriverà la testerò”.

Inoltre non si dice preoccupato per KERS e DRS.

“Non sarà molto difficile”, “Ho guidato vetture di F1 per molto tempo e l’ultima volta che l’ho fatto avevo il KERS e molti altri bottoni sul volante“.

Il manager di Raikkonen inoltre ha dichiarato che il suo assistito era molto “preso” da un ritorno in F1 e probabilmente non avrebbe dovuto lasciarla al termine del 2009 quando fu rimpiazzato in Ferrari da Fernando Alonso.

“E’ tornato dove dovrebbe essere”, dice il manager. “La mia opinione personale è che quando ha lasciato la F1 dopo la fine del 2009 era ancora molto giovane ed avrebbe potuto fare molto. Ha ancora molto da dare a questo sport e quando ci ha detto di sondare le possibilità di un ritorno, era costantemente in contatto con noi per sapere cosa avessimo trovato”.

“Sembra che ognuno sappia delle nostre discussioni con la Williams. Loro hanno mantenuto i contatti per molte settimane ma su alcune cose non eravamo d’accordo. Quindi prima del GP di Abu Dhabi abbiamo iniziato a parlare con Eric Boullier. E dopo questo entrambe le parti siamo giunte rapidamente ad un accordo”.

Stefano Rifici

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

19 commenti
  1. Marco (Fan Raikkonen e Vettel)

    1 Dicembre 2011 at 23:14

    Speriamo provi davvero la vettura GP2 con gomme pirelli (Per quel che possa valere provarle con la GP2).

    Riguardo a quel che dice il manager mi trovo daccordo, Kimi doveva rimanere in Formula 1 è qui il suo posto

  2. y3ll0w

    2 Dicembre 2011 at 09:24

    “Ho parlato con il mio amico Pedro de la Rosa e da quello che mi ha detto, le Pirelli sono ottime, con un buon GRAPP, il che per me è importante.”

    non avevo dubbio in proposito :O

  3. Luigi

    2 Dicembre 2011 at 09:38

    Kimi ha uno stile di guida molto pulito. E’ capace di ripeterti all’infinito la stessa entrata in una curva alla stessa velocità sia in ingresso che in uscita. E’ abbastanza delicato sulle gomme quindi credo che possa adattarsi con una certa rapidità. Certo gli altri hanno un anno di esperienza in più. Ma non è automatico il fatto che le sfrutteranno al meglio. Lui è un talento puro. Come ho già detto in un precedente post, non ha la vettura per puntare alla vittoria, ma spero si regali tante soddisfazioni.

    • Federico Barone

      2 Dicembre 2011 at 09:53

      Lo aspetto a Spa… lì ci farà divertire comunque. 🙂

      • Federico Barone

        2 Dicembre 2011 at 21:44

        Sia chiaro: anche se dovesse arrivare lontano dai primi, a Spa ci saprà comunque mostrare la sua predilezione per quel circuito…

    • davide

      22 Aprile 2012 at 16:30

      mesi dopo abbiamo avuto la riprova che la macchina è buona..speriamo che arrivi la prima vittoria! oggi poteva quasi farcela, grande Kimi!! :))

  4. alex

    2 Dicembre 2011 at 09:52

    grande RAIKKONEN!

  5. Marco

    2 Dicembre 2011 at 11:59

    Forza Kimi! Quanto aspettavo il tuo ritorno!

  6. anti vecchi

    2 Dicembre 2011 at 12:58

    e basta con questi ritorni in formula 1 sono solo flop…. vogliamo giovani, che battaglino per vincere non vecchiarelli che stanno li per prendere “due lire” per modo di dire ovviamente…

  7. TIFOSO ALONSO E RAIKKONEN

    2 Dicembre 2011 at 13:35

    kimi è uno gentile con le gomme, quindi credo che almeno problemi di degrado eccessivo non ne avrà, riprendere la confidenza con una F1 non credo ci vorrà tanto visto che dal 2009 non è che siano cambiate tante cose a parte DRS e gomme

  8. paolo

    2 Dicembre 2011 at 16:55

    Piloti come Kimi quando lasciano la formula uno uccidono una parte di spettacolo.

  9. MarioS

    2 Dicembre 2011 at 20:33

    Speriamo gli diano una vettura decente…..!

  10. un meccanico della Dacia Logan

    2 Dicembre 2011 at 21:11

    quando Fisichella passo in Ferrari si ritrovo con tanti bottoni che non riusci piu a guidare. La Ferrari era molto piu complicata della Force India all’epoca. Sono Convinto che la Renault di oggi sia ancora meno complicata della Ferrari del 2007. Il manico c’è. Se c’è anche la macchina……
    Le gomme é guida si , ma sopratutto strategia

  11. franz iacobelli

    2 Dicembre 2011 at 22:40

    Comuqnue in questo articolo viene evidenziato il fatto ke le gommme di quest’anno sono state progettate x degradarsi + in fretta, un’idea voluta da Ecclestone se nn sbaglio!
    E sarebbe questo il modo di diminuire i costi?

  12. danowski

    3 Dicembre 2011 at 03:02

    modesto parere… non è che il ragazzo si adatta solo a SPA e allora li ci gira forte. Il ragazzo è un gran manico e a SPA, tuttora la pista più complessa e completa, lui fa la differenza. Come altri talenti in passato emersero.
    Kimi era evrimane uno dei più grandi piloti passati per il formula uno, anche se al ritorno non combinasse più nulla. Idem per un certo Shumacher. Saluti

  13. Jacopo

    3 Dicembre 2011 at 04:38

    Sono d’accordo con chi elogia il talento di Kimi!Ho sempre apprezzato questo pilota in McLaren per la sua estrema velocità e concretezza e il sapersi adattare a condizioni e strategie differenti.Credo che drs o no,kers o no,un campione e’sempre un campione.Forse ci vorrà qualche gara x vederlo al 100% delle sue possibilità ma arriverà a farci divertire!E poi quando un pilota e’veloce galvanizza tutto il team.Dai Kimi,facci divertire!

  14. STEFANO

    5 Dicembre 2011 at 18:11

    Salve a tutti, seguo la f1 fin da bambino e ora che ho 45 anni la seguo con altrettanta passione sia in tv che sui circuiti di tutta Europa. Ho sempre apprezzato piloti come Kimi dalle poche parole ma dal piede pesante come non ricordarlo nelle annate 2003/2005/2007 anche se credo che il 2005 sia stato il migliore suo anno… Nurburgring 2005 con gomma spiattellata e non avere la benchè minima intenzione di rallentare oppure Suzuka sempre 2005 imbarazzante il confronto con Fisichella per non parlare di Spa…. superlativo.
    Chiudo augurando il classico GO KIMI

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati