Gran Premio del Belgio: Anteprima e orari del weekend

Gran Premio del Belgio: Anteprima e orari del weekend

Ad appena sette giorni dal Gran Premio d'Europa, la Formula 1 arriva in Belgio sul cricuito piu' bello, spettacolare e difficile dell'intero campionato: Spa-Francorchamps. Descrivere i sentimenti che un appassionato prova per questo tracciato e' impossibile, bisogna solo accomodarsi in poltrona e godersi le vetture di Formula 1 sfrecciare su questa magnifica pista situata nella foresta delle Ardenne.

Il Gran Premio del Belgio ha fatto la sua prima comparsa nel circus della Formula 1 nel lontano 1950, anno della creazione del mondiale, ed e' sempre stato presente in calendario anche se con qualche interruzione. Non e' sempre stato il tracciato di Spa ad ospitare il Gran Premio, altre edizioni si sono disputate a Nivelles e a Zolder, quando all'inizio degli anni 70 a seguito di gravi incidenti i piloti chiesero di lasciare Spa ritenuto troppo pericoloso. Ad ogni modo dal 1985 il circuito di Spa e' tornato ad essere la sede stabile della gara in terra belga.

Il circuito di Spa non ha comunque avuto sempre l'attuale conformazione. L'idea di realizzare un circuito automobilistico nella zona delle Ardenne risale agli anni 20, quando Jules de Their e Henri Langlois Van Ophem progettarono di unire le strade che collegavano tre piccole cittadine: Francorchamps, Malmedy e Stavelot. Il tracciato che ne risultava era uno dei piu' lunghi (quasi 14 km), e veloci mai realizzati. Gia' alla fine degli anni 30 si apportarono le prime modifiche al disegno del circuito eliminando la sezione dell'Ancienne Douane per far posto ad una velocissima esse che sarebbe diventata poi l'emblema di Spa: la curva Eau Rouge, che prende il nome dal piccolo fiume che scorre proprio sotto la curva.

Alla fine degli anni 70 si decise di modificare radicalmente il tracciato, modifiche che comunque non ne hanno snaturato in alcun modo la natura. Cosi' gia' nel 1983 la Formula 1 fece ritorno sulle Ardenne, e da allora pochi sono stati i cambiamenti apportati alla pista, quasi tutti riguardanti l'ultima curva, la chicane bus stop, cosi' chiamata perche' quando ancora la pista era aperta alla ordinaria viabilita' proprio in quel punto si trovava una fermata degli autobus.

Nonstante sia un circuito amatissimo da piloti, appassionati, addetti ai lavori e tecnici, la sua permanenza in calendario e' stata a lungo minacciata a beghe legislative ed economiche che ben poco hanno a che fare con lo sport. All'inizio del 2003 il parlamento belga approvo' una legge che vietava la pubblicita' alle sigarette, subito gli amanti dell'automobilismo si allarmarono per le sorti del Gran Premio del Belgio e di Spa in particolare, ed infatti la gara fu esclusa dal calendario di quell'anno. Convinti a fare marcia indietro dai rappresentanti della Vallonia, i deputati belgi approvarono una nuova legge che derogava la precente e cosi' Spa ritorno' in calendario sia nel 2004 che nel 2005. Subentrano poi problemi economici che non permettono l'iscrizione di Spa nel calendario 2006. Ripianati i debiti, Spa ritorna alla grande nel 2007 con un accordo destinato a mantenere (speriamo a lungo) questo magnifico tracciato nel calendario della Formula 1.

Come gia' detto Spa-Francorchamps sorge nel bel mezzo della foresta delle Ardenne, il che permette di avere saliscendi continui, cambi improvvisi di traiettoria, e grandi difficolta' di pilotaggio. Solo i migliori emergono, e basta consultare l'albo d'oro per rendersene conto. Si parte subito con La Source, un tornante molto lento per poi dirigersi a grande velocita' verso il punto caratterizzato dalla piu' impressionante difficolta' di pilotaggio, l'Eau Rouge, seguito dalla piega verso destra del Raidillon. Si affronta il rettilineo del Kemmel per arrivare alla chicane Les Combes, molto veloce per poi scendere alle curve Malmedy, Rivage e Bruxelles. Da qui in avanti si trova quella che e' forse la parte piu' bella del tracciato: il velocissimo curvone Pouhon, la chicane Fagnes, la curva Stavelot e la lunghissima curva Blanchimont. Si affronta poi la bus stop, il punto piu' lento della pista, e si arriva sul rettilineo di partenza.

Ad oggi Spa e' a tutti gli effetti un autodromo permanente, dopo che alla fine del 2005 e' stata realizzata una nuova bretella stradale per collegare i piccoli centri abitati che sorgono attorno al circuito. A Spa si svolge ogni anno anche la celebre 24 ore, una delle gare di durata piu' famose al modo, nata giusto un anno dopo la 24 ore di Le Mans.

Si giunge a Spa dopo un Gran Premio d'Europa che ha visto tornare alla vittoria, dopo ben cinque anni di digiuno, Rubens Barrichello su Brawn GP. La McLaren sembrava avviata ad un nuovo successo dopo il trionfo di Budapest, ma un problema al pit stop ha di fatto costretto Hamilton ad accontentarsi della seconda posizione. Al terzo posto e' giunto Raikkonen, al termine di un'ottima gara. Anonime le Red Bull, che si sono segnalate in negativo per la rottura del motore di Vettel. Nonstante la vittoria del suo compagno di squadra, Button ha vissuto un week-end di passione e ha faticato non poco per entrare in zona punti. Il pilota inglese continua a conservare una solida leadership in classifica e la sensazione piu' che diffusa e' che il titolo non possa sfuggirgli. Anche se nelle ultime quattro gare ha raccolto appena undici punti, cio' che gioca a suo favore e' la forte concorrenza che c'e' alle sue spalle: la McLaren sembra rinata dopo un inizio stagione disastroso e la Red Bull spesso si e' persa e non ha sfruttato le gare difficili della Brawn.

Il Gran Premio d'Europa ha visto il ritorno alle gare di Luca Badoer, che mancava dal circus dal lontano Gran Premio del Giappone del 1999. Badoer e' stato in difficolta' tutto il week-end: qualificatosi ultimo e' giunto poi penultimo al termine di una gara difficile. In Ferrari sono sicuri che a Spa le cose andaranno meglio, ma gia' circolano voci su una possibile sotituzione prima del Gran Premio d'Italia. Massa intanto fa progressi continui e non esclude di poter tornare al volante della sua Ferrari gia' quest'anno.

Domenico Della Valle

Lunghezza del circuito: 7,004 km
Giri da percorrere: 44
Distanza totale: 308,052 km
Numero di curve: 19
Mescole Bridgestone: soffici/medie
Record sul giro in prova: 1:45.994 – K Raikkonen – Ferrari 2007
Record sul giro in gara: 1:47.930 – K Raikkonen – Ferrari – 2008
Record sulla distanza: 1h20:39.066 – K Raikkonen – Ferrari – 2007
Record di vittorie per pilota: 6 – M Schumacher
Record di vittorie per team: 15 – Ferrari
Record di pole per pilota: 4 – J Fangio, A Prost, A Senna
Record di pole per team: 13 – Ferrari
Record di giri veloci per pilota: 6 – A Prost
Record di giri veloci per team: 17 – Ferrari
Record di podi per pilota: 9 – M Schumacher
Record di podi per team: 43 – Ferrari
Record di punti per pilota: 80 – M Schumacher
Record di punti per team: 332,5 – Ferrari

———-

Albo d'oro
01. 1950 J Fangio – Alfa Romeo
02. 1951 N Farina – Alfa Romeo
03. 1952 A Ascari – Ferrari
04. 1953 A Ascari – Ferrari
05. 1954 J Fangio – Maserati
06. 1955 J Fangio – Mercedes
07. 1956 P Collins – Ferrari
08. 1958 T Brooks – Vanwall
09. 1960 J Brabham – Cooper Climax
10. 1961 P Hill – Ferrari
11. 1962 J Clark – Lotus Climax
12. 1963 J Clark – Lotus Climax
13. 1964 J Clark – Lotus Climax
14. 1965 J Clark – Lotus Climax
15. 1966 J Surtees – Ferrari
16. 1967 D Gurney – Eagle Weslake
17. 1968 B McLaren – McLaren Ford
18. 1970 P Rodriguez – BRM
19. 1972 E Fittipaldi – Lotus Ford
20. 1973 J Stewart – Tyrrell Ford
21. 1974 E Fittipaldi – McLaren Ford
22. 1975 N Lauda – Ferrari
23. 1976 N Lauda – Ferrari
24. 1976 N Lauda – Ferrari
25. 1977 G Nilsson – Lotus Ford
26. 1978 M Andretti – Lotus Ford
27. 1979 J Scheckter – Ferrari
28. 1980 D Pironi – Ligier Ford
29. 1981 C Reutemann – Williams Ford
30. 1982 J Watson – McLaren Ford
31. 1983 A Prost – Renault
32. 1984 M Alboreto – Ferrari
33. 1985 A Senna – Lotus Renault
34. 1986 N Mansell – Williams Honda
35. 1987 A Prost – McLaren TAG
36. 1988 A Senna – McLaren Honda
37. 1989 A Senna – McLaren Honda
38. 1990 A Senna – McLaren Honda
39. 1991 A Senna – McLaren Honda
40. 1992 M Schumacher – Benetton Ford
41. 1993 D Hill – Williams Renault
42. 1994 D Hill – Williams Renault
43. 1995 M Schumacher – Benetton Renault
44. 1996 M Schumacher – Ferrari
45. 1997 M Schumacher – Ferrari
46. 1998 D Hill – Jordan Mugen Honda
47. 1999 D Coulthard – McLaren Mercedes
48. 2000 M Häkkinen – McLaren Mercedes
49. 2001 M Schumacher – Ferrari
50. 2002 M Schumacher – Ferrari
51. 2004 K Raikkonen – McLaren Mercedes
52. 2005 K Raikkonen – McLaren Mercedes
53. 2007 K Raikkonen – Ferrari
54. 2008 F Massa – Ferrari

———-

Questi gli orari per il Gran Premio del Belgio

Venerdi' 28 Agosto
10:00-11:30 Prove Libere 1 – Diretta su Sky Sport 2/HD
14:00-15:30 Prove Libere 2 – Diretta su Sky Sport 2/HD

Sabato 29 Agosto
11:00-12:00 Prove Libere 3 – Diretta su Sky Sport 2/HD
14:00-15:00 Qualifiche – Diretta su Sky Sport 2/HD e Rai Due

Domenica 30 Agosto
14:00 Gara – Diretta su Sky Sport 2/HD e Rai Uno

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati