GP Australia: Hamilton in pole davanti a Button e Grosjean

Prima fila tutta McLaren. Mercedes e Lotus competitive, Ferrari indietro

Prima fila tutta McLaren al GP Australia di Formula 1, prima gara della stagione 2012. Nelle qualifiche di Melbourne Lewis Hamilton ha conquistato la pole position davanti al compagno di squadra Jenson Button. Terzo a sorpresa Romain Grosjean con la Lotus. Ottime anche le prestazioni della Mercedes: Michael Schumacher è quarto, Nico Rosberg settimo dopo diversi errori.

Delude la Red Bull: Mark Webber solo quinto davanti a Sebastian Vettel. Ferrari in difficoltà: Fernando Alonso partirà 12mo dopo un testacoda, Felipe Massa solo 16mo dopo un giro non impeccabile.

In Q1 il primo run è stato completato con le gomme medie. Dal secondo run i piloti fuori dalla top 10 hanno montato gomme morbide costringendo la Ferrari e altri team a montare a loro volta gomme morbide. La prima sessione ha quindi visto un ordine diverso dal solito con Kobayashi al comando davanti a Vergne, Grosjean, Schumacher, Perez, Alonso e Rosberg, Vettel.

Subito fuori Kimi Raikkonen, 18mo dopo un errore nel suo giro lanciato. Salvo di un soffio Felipe Massa, 17mo in Q1. Eliminati anche Heikki Kovalainen (Caterham), Vitaly Petrov (Caterham), le due Marussia di Timo Glock e Charles Pic e le due HRT di Pedro de la Rosa e Narain Karthikeyan.

I due piloti del team spagnolo sono anche fuori dal 107% e dovranno attendere il parere dei commissari per sperare di prendere il via della gara. Da segnalare un episodio che ha visto l’indiano ostacolare, tra gli altri, Fernando Alonso.

I commissari hanno inoltre comunicato che valuteranno altri episodi tra Ricciardo e Schumacher, e De la Rosa e Kovalainen.

In Q2 anche i top team hanno montato subito gomme morbide, Alonso è subito finito in testacoda chiudendo in anticipo le sue prove. Lo spagnolo ha perso il controllo della sua vettura alla curva 1 dopo aver messo una gomma sull’erba. La bandiera rossa dopo l’uscita dello spagnolo, che ha chiesto in vano una spinta dai commissari, ha congelato momentaneamente la classifica della Q2 quando in testa si trovava Lewis Hamilton con 1.25.626 davanti a Button, Vettel, Webber, Alonso, Ricciardo, Di Resta, Hulkenberg, Massa e Senna mentre le Mercedes di Schumacher e Rosberg non hanno completato il primo run, così come Massa. Il brasiliano alla ripresa delle qualifiche ha deciso di tornare in pista con gomme soft nuove, così come i due tedeschi.

Il ferrarista è stato autore di un giro non esaltante che l’ha portato in 11ma posizione mentre le due Mercedes si sono portate al comando con Rosberg davanti a Schumacher in 1.25.469. Bene Grosjean che si è inserito in quinta posizione alle spalle di Button e davanti alle Red Bull di Vettel e Webber. L’australiano è stato anche protagonista di un’uscita di pista.

A sorpresa Maldonado si è portato in settima posizione mentre Ricciardo è salito in nona, scavalcato poco dopo da Hulkenberg. Nel finale Vergne si è inserito in 11ma posizione relegando Alonso in 12ma posizione.

Eliminati oltre al francese e allo spagnolo anche Kamui Kobayashi, 13mo con la Sauber, Bruno Senna (Williams), Paul di Resta (Force India) e Felipe Massa, solo 16mo a completare il sabato nero della Ferrari. Ultimo degli eliminati Sergio Perez con l’altra Sauber.

In Q3 subito in pista le due McLaren e le due Mercedes (con gomme usate) seguite da Vettel. Rosberg ha girato in 1.25.847 dopo un errore, Hamilton ne ha approfittato per portarsi al comando con un fantastico 1.24.922 davanti a Schumacher, Button e Grosjean. Poco dopo Vettel si è portato in seconda posizione a 7 decimi da Hamilton.

Webber si è ritrovato a completare il suo giro con pista libera facendo segnare il secondo tempo, comunque a 7 decimi dall’inglese della McLaren.

Nel secondo run Rosberg è stato autore di un errore in frenata mentre Button ha fatto segnare il miglior parziale nel primo tratto. Hamilton non è riuscito a migliorare ma ha conquistato la pole position mentre Button si è portato in seconda posizione a un decimo davanti a Romain Grosjean, vera sorpresa della giornata con la sua Lotus, staccato di 4 decimi.

Quarto in griglia Michael Schumacher con la Mercedes davanti alle Red Bull di Mark Webber e Sebastian Vettel. Settimo Rosberg alla fine, dopo diversi errori. Chiudono la top 10 Pastor Maldonado (Williams), Nico Hulkenberg (Force India) e Daniel Ricciardo (Toro Rosso).

F1 GP Australia, Tempi e risultati Qualifiche – Griglia di partenza

Pos  Pilota                Team                  Tempo      Giri   
 1.  Lewis Hamilton        McLaren-Mercedes      1m24.922s
 2.  Jenson Button         McLaren-Mercedes      1m25.074s  + 0.152
 3.  Romain Grosjean       Lotus-Renault         1m25.302s  + 0.380
 4.  Michael Schumacher    Mercedes              1m25.336s  + 0.414
 5.  Mark Webber           Red Bull-Renault      1m25.651s  + 0.729
 6.  Sebastian Vettel      Red Bull-Renault      1m25.668s  + 0.746
 7.  Nico Rosberg          Mercedes              1m25.686s  + 0.764
 8.  Pastor Maldonado      Williams-Renault      1m25.908s  + 0.986
 9.  Nico Hulkenberg       Force India-Mercedes  1m26.451s  + 1.529
10.  Daniel Ricciardo      Toro Rosso-Ferrari    No time
11.  Jean-Eric Vergne      Toro Rosso-Ferrari    1m26.429s  + 0.960
12.  Fernando Alonso       Ferrari               1m26.4942  + 1.025
13.  Kamui Kobayashi       Sauber-Ferrari        1m26.590s  + 1.121
14.  Bruno Senna           Williams-Renault      1m26.663s  + 1.194
15.  Paul di Resta         Force India-Mercedes  1m27.086s  + 1.617
16.  Felipe Massa          Ferrari               1m27.497s  + 2.028
17.  Sergio Perez          Sauber-Ferrari        No time
18.  Kimi Raikkonen        Lotus-Renault         1m27.758s  + 1.576
19.  Heikki Kovalainen     Caterham-Renault      1m28.679s  + 2.497
20.  Vitaly Petrov         Caterham-Renault      1m29.018s  + 2.836
21.  Timo Glock            Marussia-Cosworth     1m30.923s  + 4.741
22.  Charles Pic           Marussia-Cosworth     1m31.670s  + 5.488
23.  Pedro de la Rosa      HRT-Cosworth          1m33.495s  + 7.313
24.  Narain Karthikeyan    HRT-Cosworth          1m33.643s  + 7.461

GP Australia: Hamilton in pole davanti a Button e Grosjean
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Gran Premi

Lascia un commento

209 commenti
  1. Sembee

    17 marzo 2012 at 13:56

    Finalmente una McLaren super competitiva, ci mancava dal 2008 😉 !
    Forza Lewis, speriamo di concretizzare il risultato domani 😉 !

  2. daniele

    17 marzo 2012 at 14:14

    Quando tornerà a galoppare il cavallino ??????

  3. gigetto

    17 marzo 2012 at 14:43

    Bene, benissimo la Lotus, anche se Raikkonen nelle libere mattutine ha preso comunque 1 secondo da Grosjean, strano…no?
    Schumacher se la gode per un paio di errori di Rosberg che fino al Q3 era stato sempre più veloce del kaiser.
    Hamilton davanti a Button come quasi sempre sul giro veloce, vedremo se Lewis è migliorato nella gestione gara.
    Migliorata la Williams, al di sotto delle aspettative la Red Bull e sicuramente Vettel dietro a Webber non sarà contento.
    Ferrari: sembrerebbe tutto sbagliato…tenuto conto che Alonso (suppongo) avrà almeno un paio di decimi nel piede rispetto a Vergne e Ricciardo la Ferrari è attualmente messa peggio della Tororosso.
    Ciao a tutti

  4. Cristiano

    17 marzo 2012 at 15:21

    Seguo la F1 da quando avevo 3 anni (1998) e quindi ho passato l’infanzia nei gioiosi e vittoriosi anni di Schumy… devo dire che mai come adesso mi sento preoccupato per le sorti della Ferrari; nel 2005 e nel 2009 sentivo dentro di me una vocina che mi diceva “il prossimo anno sarà migliore…” e di fatto è stato così. Ma nel 2011 mi sono convinto che sarà dura per la Ferrari ritornare al top nonostante soluzioni estreme che, a mio parere, sono state veramente un qualcosa di esagerato (hanno fatto il passo più lungo della gamba, per intenderci). Nel 2011 la voce della mia coscienza non ha parlato e quest’anno non mi sento di essere ottimista, nonostante le parole di conforto di Alonso che dice che la macchina sarà competitiva dalla quinta gara in poi; io dico soltanto una cosa che non mi sarei mai sognato di dire 4 anni fa… (scuderia)FERRARI MI HAI DELUSO 🙁

    PS Meglio tifare il Kaiser e la Mercedes che quest’anno sembra messa bene! 😉

    • Ale

      17 marzo 2012 at 16:58

      facile ora tornare a tifare il Kaiser eh?

      • Cristiano

        17 marzo 2012 at 17:29

        Già… ma io cmq l’ho sempre tifato, anke nel 2010; l’altr’anno ero strafelice di vederlo combattere con hamilton a monza e con webber a montreal, e sono rimasto estasiato dalla sua rimonta a SPA. Perchè Schumacher è sempre Schumacher, anche se ora non sta più alla Ferrari, e gli eroi non si dimenticano… 😉

      • matteo

        17 marzo 2012 at 18:58

        Bravo allora tifalo…

      • Cristiano

        17 marzo 2012 at 20:24

        Mi stai prendendo in giro matteo? Hai letto quello ho scritto? Io tifo Ferrari e Mercedes!!! Si può?

        Perfavore risparmiati i commenti inutili

    • tengofamedif1

      18 marzo 2012 at 06:10

      la ferrari allora perdeva i pezzi in pista…ricordi ??? e tutti a dargli addosso…poi il grande periodo ferrari/schumy si è concretizzato con una serie incredibile…ma c’è voluto qualche anno…inutile dargli addosso adesso, il progetto è partito, diamo tempo al tempo, nn bisogna essere tifosi a “convenienza”…e per questo che amiamo la rossa…ci ha fatto soffrire…ci farà ancora soffrire…ma che grandi gioie ci ha dato…e tante altre ne arriveranno…per questo amo sempre di più la rossa…perchè nn si arrendono mai…

  5. xyz

    17 marzo 2012 at 15:57

    @MC-Nicky69

    L’unico problema che ha avuto Kimi è che guidava lui la Lotus 🙂 è andato largo in uscita da una curva, oltre il cordolo e ha dovuto rialzare, ha perso minimo mezzo secondo se non di più, non lo vedo competitivo per ora, secondo me fara qualche errore anche in gara!

    Le Mclaren hanno qualcosina in più e credo che quel qualcosina sia il Kers, vedremo domani, quando saranno in battaglia con le altre monoposto si potrà vedere dove fanno la differenza!

    Credo che in partenza si potrebbe verificare qualche sorpresa, magari qualche vettura ha un launch control migliore delle altre e può guadagnare diverse posizioni!

    • matteo

      17 marzo 2012 at 19:01

      l’unico problema di kimi è che grosjean va piu forte di lui… ma non solo oggi, basta guardare i tempi ai test di barcellona sulla simulazione di gara… kimi ha fatto tanto peggio…

  6. arsen kari

    17 marzo 2012 at 16:02

    utti pronostici davano ancora la rb davanti a tutti secondo alcuni esperti….

  7. stefano

    17 marzo 2012 at 17:18

    Nessuno commenta la terza piazza di quello sfigato scassamacchine di Grosjean?Se era quindicesimo tutti ne avreste parlato.In negativo ovviamente.Riguardo a domani sempre se non piovera’..penso che per la Ferrari il peggio lo si debba ancora vedere.Il loro problema(da quel che si e’ visto nei test)non era tanto nel giro secco ma nella durata delle gomme su stint lunghi.In fin dei conti e’ quasi certo che se Alonso non fosse uscito,nel Q3 ci sarebbe di sicuro andato.Su Massa..beh..io l’ho sempre difeso…oggi non so piu’ cosa dire.

  8. DavideAlex

    17 marzo 2012 at 18:03

    A Maranello stavolta non potranno neppure dire che si concentreranno sulla vettura del 2013 considerando i frutti che ha portato questa tattica quest’anno! XD

  9. sandro

    17 marzo 2012 at 18:30

    come mai le HRT fuori per il 107% e le Marussia no? Se il tempo di Hamilton è 1:24.922 il 107% è 1:30.866 quindi non ci rientrano neanche le Marussia. Ho sbagliato qualcosa?

    • SCR34M

      18 marzo 2012 at 05:56

      Mi pare che la regola del 107 % venga attribuita o calcolata non sulla Pole fatta in Q3 ma sul miglior tempo segnato in Q1, momento nel quale vengono eliminate le vetture in causa. E in questo caso verrebbe calcolato sul 1.26,182 di Kobayashi di conseguenza il tempo limite diventerebbe 1.32,214… tempo nel quale come puoi ben riscontrare sono perfettamente inserite entrambe le Marussia.

  10. F1&Rally

    17 marzo 2012 at 18:44

    Via Domenicali, non sà scegliere gli ingegneri,
    via Massa, MA SUBITO PERò, vero è che la Ferrari ha problemi,
    ma puntare sempre e soltanto su una macchina soltanto no,
    anche questo è deleterio,
    chiunque oggi farebbe meglio di lui…
    Mai una volta, neanche per sbaglio davanti ad Alonso, é il classico pilota da macchina perfetta, se non lo è diventa un semplice passeggero di essa,
    incapace di tirarne fuori il potenziale. Ripeto: oggi chiunque farebbe meglio di lui, anche io!!

  11. PROST

    17 marzo 2012 at 20:29

    MA COME NON NE PARLA NESSUNO IO LO SAPEVO CHE GROSJEAN ERA UN FULMINE
    DEVO STARE CON I PIEDI PER TERRA MA UNA COSA LA VOGLIO DIRE BRIATORE LO HA BRUCIATO E LA RENAULT LO HA DELUSO PREFERENDO UN PETROV UN BRUNO UN TEDESCO BROCCO CHE DICO UN BIDONE
    DULCIS IN FUNDUS LA SCUADRA SI è DOVUTA RITIRARE RILEVATA DALLA LOTUS ODDIO NON è CHE MI DISPIACE MA QUESTA MACCHINA POTRà FARCI SPERARE CON UN PILOTINO COSì

  12. F1&Rally

    17 marzo 2012 at 21:02

    ERGERG

  13. F1&Rally

    17 marzo 2012 at 21:10

    Qualcuno può richiamare i bambini maleducati e rimproverarli dicendo loro che certi linguaggi non si usano specialmente quando non si conoscono le persone direttamente??
    Attendo scuse!!

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati