Formula 1 | Horner: “Il telaio della Red Bull è stato il più forte del Mondiale 2018”

Il team principal della scuderia anglo-austriaca: "Il nostro tallone d'Achille? L'affidabilità"

Formula 1 | Horner: “Il telaio della Red Bull è stato il più forte del Mondiale 2018”

Una monoposto competitiva, che a livello di telaio non ha avuto nulla da invidiare a Mercedes e Ferrari: secondo il team principal Chris Horner, il 2018 della Red Bull è stato ‘ostruito’ quasi esclusivamente dalle scarse performance della power unit Renault. La scuderia anglo-austriaca, per il secondo anno consecutivo, ha concluso il campionato costruttori in terza posizione, con quattro vittorie (due Ricciardo, due Verstappen) e due pole position all’attivo (entrambe firmate Ricciardo): un bottino non eccezionale se paragonato a quello di Mercedes e Ferrari, ma che tutto sommato ha soddisfatto i vertici di Milton Keynes.

“È evidente che nel 2018 abbiamo avuto una macchina fantastica” – le parole di Horner riportate da PlanetF1. Quello della RB14 è stato il telaio più forte del Mondiale. Se consideri il nostro deficit di potenza, è davvero impressionante ciò che abbiamo ottenuto, ovvero quattro vittorie. A inizio stagione abbiamo avuto una macchina competitiva, ma non siamo stati in grado di capitalizzare. L’affidabilità è stata il nostro tallone d’Achille: abbiamo avuto troppi guasti al motore e alcuni problemi per conto nostro che sono stati frustranti. D’altro canto, però, durante la stagione siamo riusciti a ottimizzare la monoposto e a gestire le gomme in modo molto efficace rispetto ai nostri concorrenti”.

Formula 1 | Horner: “Il telaio della Red Bull è stato il più forte del Mondiale 2018”
5 (100%) 1 vote
Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati

News F1

F1 | Red Bull, Albon confermato per il 2020

Il pilota thailandese farà coppia con Verstappen anche nella prossima stagione
La Red Bull, nella settimana che porta al Gran Premio del Brasile, ha ufficializzato la conferma di Alexander Albon per la