Formula 1 | Bomba Ecclestone: “Ferrari ha avviato i discorsi per una categoria alternativa”

"Molti organizzatori sono arrabbiati con Liberty Media" ha aggiunto

Formula 1 | Bomba Ecclestone: “Ferrari ha avviato i discorsi per una categoria alternativa”

In un’intervista rilasciata al The Guardian, Bernie Ecclestone ha rilanciato l’idea di una Formula alternativa, evidenziando come Sergio Marchionne stia portando avanti dei discorsi con determinate persone per la creazione di una serie parallela alla Formula Uno. Secondo l’ottantasettenne inglese, la minaccia del Presidente della Ferrari è assolutamente fondata e Liberty Media dovrebbe prenderla con estrema serietà, cercando in tutti i modi di trovare un punto d’incontro tra le due parti.

Secondo Ecclestone, infatti, un Circus senza la Ferrari sarebbe qualcosa di vuoto o di per lo meno non completo. L’ex super Boss della FOM ha inoltre rivelato come tanti organizzatori siano arrabbiati per i costi di gestione e organizzazione degli eventi, ragion per cui Ferrari se riuscisse a creare una piattaforma solida, magari meno economica, molti circuiti lascerebbero Liberty Media per questo nuovo progetto.

Ecco le parole di Bernie Ecclestone: Alcune persone hanno in mente una nuova serie e proprio in tal senso Sergio (Marchionne.ndr) ha avuto delle discussioni nelle ultime settimane. Se Marchionne si alza una mattina e decide di andare via, la posizione diventerebbe difficile per tutti, ma dal suo punto di vista non può sottostare a dei regolamenti non giusti. Blueff? Non credo. Penso di conoscerlo abbastanza bene e vi assicuro che non è un tipo che chiacchiera. Se decide di far qualcosa, va avanti per la propria strada.

“Il nodo della questione è abbastanza semplice”, ha proseguito.La Formula 1 è la Ferrari e la Ferrari è la Formula Uno. Se vai a parlare con qualcuno nel mondo, grande o piccolo che sia, a loro non importa delle auto stradali della Scuderia. Sarebbe brutto vedere una griglia senza di loro e personalmente odierei la cosa

Se la serie avesse gli stessi elementi di quella di adesso e fosse meno costosa per i promotori, direi certamente di si. Ferrari avrebbe un gran seguito e molte persone si unirebbero in questo progetto. Il fattore economico è fondamentale in uno scenario di questo tipo: alcuni organizzatori, ad esempio, sono arrabbiati per la quantità di denaro che pagano per confermare il proprio posto nel mondiale. Nel caso di un progetto parallelo meno dispendioso, state certi che cambierebbero posizione abbastanza rapidamente ha concluso.

Roberto Valenti

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

7 commenti

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati