Formula 1 | Berger su Leclerc: “Mi aspetto una sfida aperta in Ferrari”

"Vettel e Leclerc hanno un talento simile", ha dichiarato l'austriaco

Berger ha commentato la sfida tra Vettel e Leclerc in Ferrari
Formula 1 | Berger su Leclerc: “Mi aspetto una sfida aperta in Ferrari”

In una chiacchierata concessa ai microfoni di Speed Week, Gerhard Berger ha parlato della sfida tra Charles Leclerc e Sebastian Vettel, sottolineando come in Ferrari bisognerà gestire un dualismo molto forte, soprattutto dopo le “frizione” avute nella passata stagione.

Secondo l’austriaco, Leclerc è una delle future super star in Formula 1, aspetto che quasi certamente lo renderà un avversario temibile per tutti. Allo stesso modo, però, Vettel può vantare nel suo palmares ben quattro titoli mondiali, fattore che lo spingerà a difendere il grado di caposquadra all’interno della Scuderia di Maranello.

“Charles è una futura superstar della Formula 1, non ci sono dubbi”, ha dichiarato Gerhard Berger. “Mi aspetto una sfida molto aperta alla Ferrari fra lui e Vettel, perché Seb resta un quattro volte iridato. Da un lato c’è la freschezza e dall’altro l’esperienza”.

“Il talento è simile”, ha proseguito. “Anche Sebastian l’ho seguito fin da ragazzo. Mi trovavo su una spiaggia delle Mauritius con Michael Schumacher, che allora correva per la rossa, e gli domandai se ci fosse qualcuno in grado di tenergli testa quando andava ancora a divertirsi sui kart. Ci pensò un attimo, poi mi fece quel nome: Sebastian Vettel. All’epoca Seb aveva 14 anni, andava in giro sulle piste tedesche con il padre, che l’aiutava a sistemare il kart. Lo vidi correre e anche di lui pensai: questo diventerà un campione. Leclerc non ha ancora vinto quanto Vettel. Ma fa parte della stessa categoria”.

Conclusione infine sulla sfida tra Leclerc e Verstappen: “Se Ferrari e Red Bull saranno all’altezzam vedremo Charles e Max lottare per il titolo. L’olandese è più aggressivo, ma non fatevi ingannare dai modi gentili di Leclerc. Nasconde un carattere altrettanto forte”.

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati