FIA: sabato mattina una decisione su scarichi e diffusori soffiati

FIA: sabato mattina una decisione su scarichi e diffusori soffiati

I team di Formula 1 sapranno solo nella mattinata di sabato se la FIA intende prendere ulteriori provvedimenti sul divieto di scarichi soffianti in rilascio dopo la polemica scoppiata al Gran Premio di Gran Bretagna.

Il team principal della Red Bull, Christian Horner, e il team boss della McLaren, Martin Whitmarsh, hanno avuto un duro scontro polemico nella conferenza stampa FIA del venerdì a Silverstone sulle deroghe concesse a Renault e Mercedes per far sì che i loro motori non rischiassero problemi di affidabilità.

Whitmarsh si è detto molto deluso per la deroga concessa dalla FIA alla Renault, e quindi alla Red Bull, in merito all’utilizzo del 50% dei gas di scarico in rilascio alla luce del divieto che avrebbe dovuto portare solo al 10% l’uso di tali gas.

Horner ha risposto facendo notare che alla Mercedes era stato concesso di bruciare carburante anche in frenata nella fase di “over-run” per evitare problemi di affidabilità.

Charlie Whiting ha quindi organizzato una riunione con i rappresentanti dei motoristi per discutere della questione e provare a trovare una soluzione equa per tutti e impedire che altri motoristi provino ad utilizzare giustificazioni per sfruttare il limite del 50%.

Whiting, secondo indiscrezioni, decidera durante la notte se prendere ulteriori provvedimenti e i team saranno informati prima delle Prove Libere 3 della visione della FIA sulla questione.

Leggi altri articoli in Gran Premi

Lascia un commento

26 commenti
  1. 7

    9 Luglio 2011 at 00:06

    a questo punto che diano il limite del 50% a tutti i motori… e che imparino a non cambiare le regole in corsa, incompetenti

  2. David

    9 Luglio 2011 at 00:06

    mah…
    che casino
    schifo

  3. Kimi F1

    9 Luglio 2011 at 00:07

    Ma dico è così difficile fare un regolamento CHIARO???? E’ il terzo anno consecutivo che trovano buchi e li sfruttano e la FIA rimane a guardare

  4. Alessandro Secchi

    9 Luglio 2011 at 00:08

    Notte di Passione…

  5. Fernando

    9 Luglio 2011 at 00:32

    La Federazione si è accorta di aver fatto una grossa scemenza ed ha cercato di porre rimedio facendone una ancora più grossa!
    Credo sia ora di rendere credibile questo sport azzerando tutti i vertici dirigenziali prima della caduta nel baratro delle pagliacciate a raffica!
    Perché l’errore? Perché per la seconda volta quest’anno agisce contro le sue stesse decisioni iniziali annullando qualcosa che per due anni è stato sancito come legale, ma facendolo in corsa, cosa mai fatta prima (o quasi mai…leggesi mass-dumper e differenziale a doppia frizione…).
    Una sola espressione: ridicoli !

  6. Philip J. Fry

    9 Luglio 2011 at 00:37

    E’ veramente scandaloso!! E’ 2 mesi tra poco che va avanti questa storia degli scarichi e ancora alla vigilia del GP dove doveva venire applicata la regola non si sa ancora con che regolamento si partirà!
    La F1 è diventata un CIRCO nulla di più!!

  7. Samuele

    9 Luglio 2011 at 00:58

    La questione è che prima vogliono dire ai costruttori di costruire auto uguali per tutti, poi però vorrebbero lasciargli il merito sportivo dell’inventiva.

    In F1 non è chiaro che strada vogliono prendere.

    A volte serve una mente più selettiva per decidere se fare un campionato che somigli ad un monomarca (con motori, centraline, telai “condivisi” da tutti) o che faccia sfidare i costruttori lasciandoli costruire con le loro teste.

  8. raffy

    9 Luglio 2011 at 01:13

    Non so se piangere o ridere…
    Insomma alla Red Bull +50% per “soffiare”,
    ai motori mercedes più carburante per “soffiare” e la Ferrari sta lì dietro ad “aspirare” la polvere di quelli che le stanno davanti!!!

  9. Turez

    9 Luglio 2011 at 02:06

    Questa F1 sta diventando un circo vero e proprio…un covo per pagliacci!Vergogna!

  10. Vigor

    9 Luglio 2011 at 02:11

    Mha! Sarebbe giusto che i grossi Teams e soprattutto la Ferrari, qualunque sia la decisione, dopo Silverstone, rilasci un comunicato Ufficiale, serio e deciso, che esprima dissenso nei confronti della gestione Tecnica Fia (mi sembra assomigliare all’attuale Governo italiano!) e chieda con urgenza un incontro con la Fia stessa per definire una volta per tutte un Regolamento Tecnico valido per gli anni a seguire (condiviso dalla maggioranza dei Teams); chieda che venga istituita una Commissione di Controllo e di Verifiche tecniche operante già in fase di progettazione delle monoposto, in modo da evitare cambi di regolamenti durante la stagione. Mi sembra chiaro che dietro quest’ultimo provvedimento ci siano non solo motivi dovuti ad un ripensamento e rimorso di poter falsare un campionato dominato da una squadra ammazza-campionato, di compromissione della credibilità e onorabilità di una competizione motoristica di così alto livello, ma di minacce da parte di Teams (in primis la Red Bull-Toro Rosso), Motoristi (Renault) e munifici sponsor, di abbandonare la nostra amata F1. Scusate d’essermi dilungato, ma sono incazzato e preoccupato.

  11. lapo

    9 Luglio 2011 at 06:52

    ma helmutt marko l’hanno ibernato???
    non parla ora?non dichiara nulla????
    ecco la coerenza bibitara…
    Luca Luca…chiama i tuoi…smontiamo baracca e burattini…

  12. nix

    9 Luglio 2011 at 07:44

    Ma invece di fare tutti questi balletti, 50%, 20%, 10%, deroghe per Renault e Mercedes, non era più semplice tornare agli scarichi alti?
    Chi ha VERAMENTE problemi di affidabilità potrebbe così usare le mappature che preferisce senza sospetti di favoritismi.

    • wr

      9 Luglio 2011 at 08:19

      Quoto. E’ quello che ho pensato anche io ieri subito dopo avere sentito la notizie della deroga per i motorzzati Renault. Avevano quattro gran premi a disposizione per oviare al problems. Invece non hanno fatto nulla, hanno aspettato che la FIA li graziasse come sat facendo.

      E poi la regola era già chiara. A pedale rilasciato deve corrispondere la farfalla chiusa. Non`è il caso del Renault da quello che sembra. Adesso se il motore Renault deve seguire la regola, srischia di rompersi. E se è così sono caxxi loro della Renault.

    • iorek

      9 Luglio 2011 at 10:18

      non penso sia facile per una macchina concepita con scarichi stile renault o rb cambiare la posizione degli stessi velocemente.
      Nel lora caso verrebbe stravolto il progetto

      • bouc

        9 Luglio 2011 at 11:11

        Infatti, ma come si fa a pensare che si possano spostare gli scari così quando si vuole… ormai le macchine son concepite così e così devono finire il campionato. Piuttosto si decidano in fretta regole ben precise per l’anno prox..

  13. maxfunkel

    9 Luglio 2011 at 09:15

    Siamo alle solite…
    La FIA comunica che a partire da un determinato GP una oluzione verrà eliminata PER TUTTI, i soliti furbetti lasciano le cose come stanno per poi presentarsi piangendo alla riunione tecnica implorando una concessione straordinaria per evitare fantomatiche e ipotetiche rotture, ricevendo poi un “regalo inaspettato” dalla Federazione stessa e ridendo sotto i baffi. cosa ne deducete:
    1)La FIA è smidollata, incompetente, incapace di far rispettare le regole (lacunose e veramente mal realizzate) che emana.
    2)Red Bull, Renault e Mercedes ora stanno apertamente violando il regolamento con il “placet” della FIA, in quanto gli si è concesso di utilizzare fino al 50% del soffiaggio passivo, in barba alla regolazione della MES e ai dettami fin qui sbandierati.
    MORALE:
    Se un’altra scuderia utilizzerà questo sistema dovrebbe essere squalificata, mentre “la banda delle tre” può liberamente farlo???
    Il motore Renault avrebbe problemi di affidabilità se non “soffia”?!? se ci fosse ancora il grande Totò direbbe:”Ma mi faccia il piacere!!!” Questa è una immensa BUFALA propinata alla FIA che da ingenua e credulona che è l’ha bevuta in pieno, forse anche preoccupata per motivi che noi non possiamo conoscere…
    Ai tempi la FIA emanava un regolamento, i team dovevano sottostare a questo regolamento e se l’attuazione di questo regolamento portava svantaggi in termini di affidabilità, beh, pace… OGGI HANNO PAURA DI FARSI RISPETTARE E IL RISULTATO E’ QUESTO…. VERGOGNA!!!

    • Mauro

      9 Luglio 2011 at 09:40

      scusa ma non è cosi.
      quoto tutto quello che dici sulla fia, ormai nn sanno piu che pesci pigliare, questo perchè fanno le cose senza chiedere, con il loro solito spirito di onnipotenza sulla f1, e poi si ritrovano un regolamento farlocco tra le mani, che fa piu acqua di uno scolapasta, e regole cambiate durante il campionato, di cui non si capisce bene ne le motivazioni che stanno dietro, ne il senso.
      per quanto riguarda i motori:
      – la renault è anni che costruisce questi motori “soffiati”, quindi si sono trovati in crisi nella prestazione e nell affidabilita (?)
      tutto ovviamente da verificare, e chiedono il 50% invece del 10%
      – la mercedes, non ha chiesto di sfruttare i gas, ha chiesto solo una modifica per la durata del proprio motore, ma non di aumentare la percentuale dei gas. il fatto è che brawn e whitmarsh si sono lamentati, perchè se la redbull doveva avere il 50%, lo volevano anche loro.
      -domanda: ma la ferrari non ha niente da dire??

      • wr

        9 Luglio 2011 at 10:16

        Spero che la Ferrari si faccia viva. Però spero non sia con Collaianni, quel rimbambito 😉

  14. Davide

    9 Luglio 2011 at 09:28

    Perchè non decidere domenica al 22° giro del gp?!?!

    • wr

      9 Luglio 2011 at 10:19

      Io lascerei per il gran premio di Silverstone come era previsto, cioe la farfalla al 10%. Se il motore si rompe, amen. La RDB ha comunque un vantaggio enorme in campionato.
      Si può sempre vedere cosa fare per il prossimo gran premio. La FIA invece sembra non avere il coraggio di scegliere questa via.

  15. PaoloF

    9 Luglio 2011 at 09:35

    Questa della possibile rottura dei Renault è un’emerita stxxnzata, a cui nei due mesi precedenti si poteva ovviare.
    Invece no, i francesi hanno usato l’arma del ricatto, come per i motori turbo del 2013, addossando alla fia le colpe di eventuali rotture.
    Io ricordo che nel 2008 la Renault chiese di poter intervenire pesantemente sui loro V8, con tante polemiche, per evitare rotture, come lo fece la Ferrari lo scorso anno, quindi avrebbero avuto tutto il tempo per rimediare a questo fantomatico problema.
    La verità è che se veramente i motori Renault rischiassero la rottura, la fia avrebbe falsato il campionato, con un ulteriore e terrificante perdita di credibilità per questo sport, la Rb lo ha capito e sta facendo la vittima, tutto veramente molto squallido e deprimente.

  16. Giancarlo

    9 Luglio 2011 at 10:06

    AH AH AH … Ora ho capito perchè lo chiamano il “circus” della formula 1 … perchè ci sono i Pagliacci che ci fanno ridere, eh eh eh …

    V E R G O G N O S O ! ! ! ! ! ! ! ! ! !

  17. jack

    9 Luglio 2011 at 10:42

    macche la fia deve liberare questi regolamenti castranti e ricchi di polemiche.
    devono dar liberta piena ai proggettisti , la f1 diventerebbe un auto mostruosa e spettacolare da vedere in azione , basta e questi frullini che quasi non fanno nemmeno piu musica dagli scarichi

  18. jack

    9 Luglio 2011 at 10:46

    bhe lo scarico soffiato la renault lo studia gia dal 2008 , cioe’ dal momento in cui gli venne permesso di modificare i motori , altrimenti come si spiega che se non lo usano si rompono ? 1 o sono tutte scuse per non perdere il carcio aereodinamico o 2 hanno modificato il motore con una scusa per escogitare quel sistema
    come dicevo prima piena liberta’ , vince chi ha piu soldi e piu capacita’intellettuali , con questi regolamenti vnce chi imbroglia meglio , todh svegliaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa

  19. NINO

    9 Luglio 2011 at 10:57

    a questo punto mi aspetto anche che alla red bull gli concedano di usare qualche motore in piu degli altri perchè poverini possono avere problemi di affidabilità

  20. tommaso

    9 Luglio 2011 at 11:33

    Montreal 2005: strepitosa pole di Jenson Button (il giovane “Premio Bandini” del 2001), davanti a Shumacher e Alonso. Quattro gare prima, Jenson aveva colto una favolosa pole anche a Imola, ma la BAR – Honda dell’inglese fu trovata con “irregolarità nei serbatoi”: annullata la pole, squalificato il Team per 3 (DICO TRE!!!) GP. I Giapponesi della Honda si infuriarono moltissimo con Richards, e cominciarono a ripensare agli enormi investimenti che la partecipazione alla F1 comportava.

    OGGI VA BENE TUTTO, vincono i furbi, gare come Valencia, che non si possono guardare.

    Ogni tanto qualche impresa, in condizioni limite, da parte di chi ha davvero talento…

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati