Ferrari: De La Rosa, “Interlagos, pista corta ma insidiosa”

Ferrari: De La Rosa, “Interlagos, pista corta ma insidiosa”

Formula 1 – Pedro de la Rosa, collaudatore della Scuderia Ferrari, ha le idee chiare quando parla a www.ferrari.com del circuito di Interlagos, sede del Gran Premio del Brasile: “Si potrebbe pensare che si tratti di un circuito semplice, visto che è tra i più corti, ma non c’è niente di più sbagliato. Sono presenti molte difficoltà” – continua Pedro – “Tra queste la necessità di trovare un giusto compromesso tra le configurazioni da qualifica e gara, la forte pressione sul lato sinistro del collo e la totale imprevedibilità dal punto di vista delle condizioni meteo”.

Fattori critici. “Ad Interlagos bisogna avere un buon carico aerodinamico per la parte mista con curve da bassa velocità, ma non si può pregiudicare la velocità di punta perché ci sono molti rettilinei in cui è necessario poter attaccare o difendere la propria posizione” – spiega Pedro – “Inoltre, anche se è una pista che possiamo definire di media intensità sia per i freni che per l’aerodinamica, le curve a sinistra sono molto impegnative: in certi punti il collo dei piloti può infatti dover arrivare a sopportare carichi pari addirittura a 3G”. A complicare ulteriormente le cose c’è il fattore meteo: “La velocità con cui possono cambiare le condizioni atmosferiche fa sì che ogni squadra debba sempre adottare una strategia molto flessibile per essere pronta a cambiare in caso di pioggia improvvisa. E in Brasile nella maggior parte dei casi la pioggia arriva sotto forma di acquazzoni torrenziali”.

Pratica in pit lane. “Su questo tracciato la qualifica non è fondamentale” – conclude Pedro – “Perciò normalmente si privilegia l’assetto per la gara, accettando di perdere un po’ di prestazione sul giro secco al sabato. Un’altra peculiarità di questa pista è la corsia box: in entrata come in uscita è possibile guadagnare tempo prezioso e per questo motivo, data anche la difficoltà della traiettoria in uscita, non è inconsueto vedere le squadre impegnate in alcune prove, specie nella giornata del venerdì”.

Leggi altri articoli in Gran Premi

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati