F1 | Williams, entrambe le vetture in Q2, Russell: “Grande lavoro della squadra”

La Williams riporta entrambe le monoposto in Q2 per la prima volta da Monza 2018

F1 | Williams, entrambe le vetture in Q2, Russell: “Grande lavoro della squadra”

Che grande sessione di qualifica, quella della Williams, che riporta entrambe le monoposto in Q2 per la prima volta da Monza 2018. George Russell e Nicholas Latifi hanno addirittura portato la FW43 tra le prime posizioni alla fine del Q1, impressionando tutti (aiutati, però, anche dall’improvviso miglioramento della pista). Alla fine della prima manche, Russell è infatti in nona posizione, a nove decimi dal primo, Sergio Perez, mentre Latifi è sul filo del rasoio, quindicesimo.

In Q2 le cose non migliorano: Latifi resta quindicesimo, mentre Russell si ferma in dodicesima posizione, davanti, però, alla Red Bull di Alexander Albon. Nonostante questo, la giornata può considerarsi ovviamente positiva nel box Williams: dopo problemi economici, weekend ripetutamente relegati nelle ultime posizioni, finalmente la scuderia di Frank Williams ritorna ad essere più competitiva.

La vettura si è improvvisamente svegliata in queste condizioni, con temperature più fredde, e mi sono divertito un sacco. Ancora una volta, non mi aspettavo di essere così veloce, la macchina era perfetta e avevo un buon ritmo. Un peccato per il giro in Q2, ci siamo trovati nel traffico e credo che saremmo potuti entrare in Q3, il che sarebbe stato assurdo. Ma la dodicesima posizione, considerando dove eravamo l’anno scorso, è comunque incredibile” ha spiegato George Russell, autore di una incredible performance sul circuito dell’Hungaroring.

Amo guidare su questa pista, è stato divertente e sono orgoglioso dei ragazzi e delle ragazze del team che hanno reso tutto questo possibile. Incrocio le dita per avere un po’ di pioggia, domani; potrebbe cambiare le cose e magari portarci un buon risultato. Sono pronto a combattere“.

Soddisfatto anche il rookie Latifi: “Sono davvero soddisfatto, è stata la mia prima volta in Q2. Bisogna riconoscere a tutto il team il grande lavoro che hanno svolto. Sapevamo che saremmo stati competitivi su questa pista, più adatta alla nostra vettura, ma portare entrambe le macchine in Q2 dimostra quanti progressi abbiamo fatto. Sono comunque deluso per il mio risultato, mi aspettavo di più“.

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati