F1 | Ufficiale: la FIA eseguirà ulteriori analisi sul comportamento di Vettel a Baku

Rischio di squalifica per il pilota della Ferrari

F1 | Ufficiale: la FIA eseguirà ulteriori analisi sul comportamento di Vettel a Baku

Come vi avevamo accennato in un nostro articolo, la Federazione Internazionale dell’Automobile sottoporrà Sebastian Vettel ad un ulteriore procedimento per valutare i fatti accaduti durante il Gran Premio di Azerbaijan.

Il 3 luglio, infatti, il Tribunale Sportivo della FIA riavvolgerà il nastro della “ruotata” del tedesco a Lewis Hamilton, valutando ulteriori penalità da infliggere al pilota della Ferrari. Si può andare da una semplice multa fino ad un Gran Premio di squalifica ovviamente slegato dal discorso della patente a punti.

Ecco il comunicato rilasciato ieri sera dalla FIA: “Lunedì 3 luglio la Federazione Internazionale dell’Automobile esaminerà ulteriormente le cause dell’incidente tra la vettura numero 5 (Sebastian Vettel.ndr) e la vettura numero 44 (Lewis Hamilton.ndr) per valutare se saranno necessari altre azioni. Un comunicato sulle decisioni di questo processo sarà disponibile prima del Gran Premio d’Austria tra due settimane”.

Roberto Valenti

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

25 commenti
  1. Doesntmatter72

    2 Luglio 2017 at 18:22

    @dig87

    Mio caro, puoi andare su diversi siti per informarti e di certo non mi metto io a far lezioni private a uno che parla senza cognizione di causa…

    Ciò detto Hamilton non ha commesso nessuna infrazione (dati telemetrici alla mano) mentre Vettel sì: i rallentamenti, entro certi limiti, sono concessi, poiché è il pilota leader a fare l’andatura.

    Schumacher lo fece per anni, con il povero Button che andò a sbattere perché sorpreso da un suo rallentamento…

    Citare invece il test Mercedes non ha senso: significa voler aggrapparsi ad eventi passati, pur di non riconoscere le colpe del vostro pilota: prenditela col tuo Vettel, caro mio ferrarista, piuttosto che con il mondo intero…

    Ciao

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati