attiva


F1 | Troppa retorica, Ferrari a Monza corre per il podio

F1 | Troppa retorica, Ferrari a Monza corre per il podio

Visto l’andazzo, di blu colorato, questa Monza con la Rossa macchiata di “giallo Modena” va rivista e reinterpretata in “la” minore, abbassando sensibilmente aspettative che invece, tornando a qualche mese fa, sarebbero state altissime.

Di buono c’è che Charles Leclerc ha un diritto di prelazione sulla pole position, dovrà soltanto guidare pulito tenendosi lontano dai guai e tenendo lontano Russell, la minaccia più concreta. Al resto penseranno le penalità in griglia a Verstappen, Perez, Hamilton e al team mate Sainz (che darà la scia al predestinato in qualifica).

Di negativo c’è che la F1-75 è un’arma assai efficace sullo sparo secco, ma non (più) a lunga gittata. Nessun particolare problema negli sviluppi e nel nuovo fondo – questo emergerebbe dalle prove brianzole – ma la Red Bull ha semplicemente, inesorabilmente, un altro ritmo.

Verstappen lo sa benissimo, non a caso sfoggia un sorriso sornione, e si è professato confidente e per nulla preoccupato dalla Ferrari, con un laconico e tranciante “Loro sono veloci, ma noi siamo i migliori”.

Ecco perché, mettendo da parte la retorica dell’appuntamento di casa, della spinta e del calore del pubblico e robe così che non regalano decimi di secondo, lo stato dell’arte recita più o meno così: Red Bull è favorita per una passeggiata trionfale, e la Ferrari dovrebbe accogliere un eventuale podio come un buon risultato.

In Ungheria, a Spa e a Zandvoort la Mercedes è stata più forte sul passo gara. Perez potrebbe risalire e dare spettacolo dal fondo con un motore fresco, Leclerc (e Sainz qualora tornasse della partita) dovranno dare fondo a tutta la loro maestria per portare la Rossa sul podio nel GP di casa. Il rischio è assistere ad una rimonta di Perez e al Russell di turno che beffa il Cavallino.

Per questo Leclerc non dovrà scomporsi se e quando Verstappen se ne andrà, un po’ come a Spa, restando concentrato sulla propria gara.

Sognare resta lecito. Ma raccontare la realtà è doveroso. Senza alimentare false speranze propedeutiche a cocenti delusioni, soltanto perché si corre a Monza. I discorsi ambientali, lo stadio caldo, ben possono adattarsi al calcio o ad altri sport; meno quando a farla da padrone è il cronometro.

L’obiettivo del Cavallino è confermarsi sul podio, risultato già sudato a Spa e in Olanda. A patto di gestire le gomme più dure sulla distanza, di fare strategie adeguate e di tenere a bada la Mercedes.

Antonino Rendina

5/5 - (107 votes)
Motorionline.com è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News,
se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie
Seguici qui
Leggi altri articoli in Focus F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati