F1 | Mugello, a breve la conferma del secondo Gran Premio italiano

"C'è una seria possibilità, ci stiamo lavorando" ha dichiarato Sticchi Damiani

Il circuito del Mugello ha serie possibilità di essere confermato come nono appuntamento del mondiale di Formula 1, subito dopo Monza.
F1 | Mugello, a breve la conferma del secondo Gran Premio italiano

Per la prima volta dopo 14 anni, la Formula 1 potrebbe avere due date del campionato iridato su circuiti italiani. Il circuito di Mugello, infatti, sta per essere confermato come nono appuntamento della stagione, subito dopo il Gran Premio di Monza.

Anche il circuito di Imola aspirava a rientrare nel calendario: opzione non del tutto impossibile, ma di difficile attuazione.

La pista di Imola è troppo stretta per le monoposto odierne di Formula 1 –  ha infatti ricordato Andrea Cremonesi, giornalista della Gazzetta dello Sport – sarebbe difficile sorpassare e l’entrata in pit lane è troppo vicina alla traiettoria e separata solo da un muro. I sorpassi sarebbero anche molto difficili“.

Il cosiddetto effetto trenino, quindi, sarebbe inevitabile sulla pista intitolata ad Enzo e Dino Ferrari, ma c’è ancora il Mugello a tenere alte le speranze.

L’Italia ha una seria possibilità di avere un secondo Gran Premio di Formula 1 – ha confermato il presidente ACI Angelo Sticchi Damiani – stiamo lavorando per avere una o due gare dopo Monza“.

Gli spettatori si annoierebbero con più gare sullo stesso circuito, ma fortunatamente abbiamo tre circuiti con licenza qui in Italia” ha proseguito Sticchi Damiani.

La decisione, ha continuato il presidente, dovrebbe arrivare verso la fine della settimana, dopo l’incontro del Consiglio Mondiale del Motorsport.

Sarebbe bello, oltre alla logistica: al Mugello ci sarebbe la millesima gara di Formula 1 della Ferrari, proprio su un circuito di sua proprietà” ha ricordato Cremonesi.

Le prime otto date del mondiale 2020 sono state confermate, mentre Bahrain e Abu Dhabi concluderanno la stagione, ancora non sappiamo se con uno o due appuntamenti.

 

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati