F1 | Mercedes, Valtteri Bottas: “E’ stata una giornata sfortunata”

"Congratulazione al team, sono orgoglioso di far parte di questa squadra" ha aggiunto il finlandese

F1 | Mercedes, Valtteri Bottas: “E’ stata una giornata sfortunata”

Giornata sfortunata per Valtteri Bottas, che ieri aveva conquistato la pole position sul circuito di Imola. Dopo un’ottima partenza, il finlandese è stato bloccato da alcuni detriti, che il team, ha fine gara, ha scoperto appartenere alla vettura di Sebastian Vettel. Da li in poi le cose per Bottas si complicano, e nonostante i suoi sforzi non riesce a ritornare nella posizione di partenza. Termina secondo, conquistando il cinquantacinquesimo podio in carriera. La festa sul podio è stata doppia, con la Mercedes che conquista il settimo titolo nel campionato costruttori.

Ovviamente, è stata una gara dura per me oggi – ha ammesso Valtteri – la partenza è stata buona, ma al secondo giro, in curva sette, c’erano alcuni detriti in pista. Non ho avuto tempo di evitarli, per cui ho cercato di centrarli, ed evitare di prenderli con le gomme. I detriti hanno comunque causato danni, incastrandosi da qualche parte sotto la vettura, che è diventata difficile da guidare, e ci è costato anche un po’ sulla performance. Ho provato con tutto me stesso a tenere Max dietro, ho oltrepassato i limiti, facendo anche qualche errore. E’ stata una giornata sfortunata, dopo la buona partenza, ma abbiamo comunque conquistato un podio e ho fatto il mio nel conquistare il settimo titolo“.

Il finlandese ha anche dedicato alcune parole alla sua squadra.

Congratulazioni al team per il settimo titolo nel campionato costruttori. Sono davvero orgoglioso di far parte di questa squadra, e sono grato a tutti per il duro lavoro e la direzione. Lo abbiamo meritato, e sono felice per la squadra in pista, Brackley, Brixworth e Stuttgart. Questo team continua a spingere e ad alzare l’asticella, lavorare con questa squadra così dedita alla causa è fonte di grande ispirazione“.

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati