F1 | Mercedes, Hamilton: “La W12 è una vettura molto complicata da regolare”

Il britannico ha paragonato la monoposto ad un bella diva capricciosa

F1 | Mercedes, Hamilton: “La W12 è una vettura molto complicata da regolare”

Dopo la splendida vittoria di Losail Lewis Hamilton ha parlato della monoposto che lo sta brillantemente assecondando nella furiosa rimonta iridata su Max Verstappen.

Mercedes, dopo qualche iniziale difficoltà, soprattutto per recupere il carico aerodinamico perso al posteriore a causa delle modifiche regolamentari,  sembra essere riuscita ad affinare la Mercedes W12, tirando fuori tutto il potenziale della propria belva. Un potenziale “mostruoso” come potuto ammirare a Interlagos e in Qatar, con Lewis sembrato letteralmente inarrestabile negli ultimi due GP.

Il campione inglese ha parlato nello specifico della monoposto, spiegando come sia complicato metterla a punto quest’anno e come la W12 abbia una finestra di utilizzo molto ristretta.

“Nel complesso sono molto soddisfatto del mio impegno e delle mie prestazioni, quello che ho notato quest’anno è che la vettura è molto difficile da mettere a punto. Non ricordo in quale anno Wolff disse che la nostra macchina era una diva (la W08 del 2017 ndr), bene questa è una diva mostruosa, è una vettura complicatissima da portare nella giusta finestra di utilizzole parole del sette volte campione del mondo ad Autosport – Quando non siamo nella giusta finestra il nostro potenziale è limitato, e non riesco a guidare al mio meglio se la macchina non è a posto con il set up. In Brasile siamo riusciti a regolare la W12 come volevamo, è stato come battere sul chiodo in modo perfetto molto, c’è capitato raramente quest’anno. Sapevamo che avremmo perso parte del carico aerodinamico e questo ha inciso sulle caratteristiche della monoposto. E’ stato difficile recuperare l’efficienza persa, tornare dove volevamo considerando che avevamo poco margine per intervenire. Per certi versi è come andare sulle montagne russe, la W12 è davvero difficile da mettere a punto e anche il lavoro al simulatore non è facile perché spesso rischia di dare riscontri fasulli”

 

 

Motorionline.com è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News,
se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie
Seguici qui
Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati