F1 | Kvyat: “Mi piacerebbe essere il compagno di squadra di Verstappen”

"Ho avuto alcuni compagni di squadra molto forti in carriera, ma sarebbe interessante confrontarmi con lui", ha aggiunto

F1 | Kvyat: “Mi piacerebbe essere il compagno di squadra di Verstappen”

La sua esperienza in Formula 1 è stata molto tribolata fino allo scorso anno, ma con il suo ritorno in Toro Rosso ha certamente ritrovato stabilità. Parliamo ovviamente di Daniil Kvyat, pilota russo oggi alla guida dell’AlphaTauri insieme a Pierre Gasly. Dopo gli inizi nella Scuderia di Faenza, il passaggio in Red Bull nel 2015 è stato automatico e molto positivo, visto che è riuscito subito a battere Ricciardo. Nel 2016, dopo anche il podio della Cina, è stato silurato per far posto a Max Verstappen, in prepotente ascesa e in grado di vincere alla sua prima gara nel team austriaco a Barcellona. Da lì il periodo di declino del russo di Roma, nuovamente in Toro Rosso, poi silurato per far posto a Brendon Hartley (col senno di poi una scelta senza senso, ndr) a fine 2017. Quindi un anno da sviluppatore in Ferrari e il ritorno in Formula 1 sempre con la squadra di Faenza, dapprima con Albon, poi con Gasly al suo fianco. Se li è girati praticamente tutti i piloti di casa Red Bull come compagni di squadra il buon Kvyat, gliene manca solo uno, di sicuro quello più in auge al momento.

“Ho avuto alcuni compagni di squadra molto forti – ha detto Kvyat a Racing News 365, quotidiano olandese. Sainz è stato con me in Formula Renault, mentre Ricciardo ovviamente in Formula 1 con la Red Bull. E’ stato interessante: lui aveva battuto Vettel nel 2014, ma sono riuscito a stargli davanti in termini di punti quell’anno. Credo che i fans abbiano buona memoria, se lo ricorderanno sicuramente, ma purtroppo si tende sempre a guardare in avanti piuttosto che indietro. Sarebbe bello essere il compagno di squadra di Max: è in un ottimo team, con la squadra che fa di tutto per lui. E’ sicuramente molto forte, anche mentalmente, per questi motivi sarebbe interessante avere la sua stessa vettura. Noi in AlphaTauri non siamo più una squadra junior, abbiamo una formazione di piloti esperti quest’anno! Penso che siamo in grado di sviluppare più velocemente la macchina”.

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati