F1 | Hamilton attacca Vettel per l’andatura durante il regime di safety car: “Ho rischiato di finirgli addosso”

"Parlerò con Charlie perchè non è permesso, durante un regime di safety car, accelerare e frenare per quattro volte consecutive" ha aggiunto

F1 | Hamilton attacca Vettel per l’andatura durante il regime di safety car: “Ho rischiato di finirgli addosso”

Piccolo attacco di Lewis Hamilton nei confronti di Sebastian Vettel al termine dell’ultimo Gran Premio dell’Azerbaijan, quarto appuntamento del mondiale 2018 di Formula Uno. L’inglese della Mercedes, infatti, ha puntato la lente d’ingrandimento sul comportamento del tedesco durante il regime di safety car, colpevole di aver tenuto un andamento estremamente rischioso. L’alfiere della Ferrari avrebbe più volte accelerato e frenato, soprattutto poco prima della ripartenza, con l’obiettivo di ingannare Lewis Hamilton e Valtteri Bottas.

Questo modo di affrontare un restart, secondo il Campione del Mondo in carica, è estremamente rischioso e durante il prossimo incontro con la direzione gara, presumibilmente in Spagna, cercherà di capire se una manovra di questo tip è consentita da regolamento, così da potersi adattare nelle occasioni future.

Ecco le parole di Lewis Hamilton al termine della corsa: “Parlerò con Charlie in Spagna perchè non è permesso, durante un regime di safety car, accelerare e frenare per quattro volte consecutive. Non è permesso ingannare il pilota che ti sta dietro in questo modo. Esiste una regola che impone un determinato comportamento e se non ci fosse faremmo tutti in quella maniera, creando anche un pericolo. Ha fatto la stessa identica cosa in Australia e per poco non gli finivo addosso”.

“Purtroppo si è creato un precedente perchè chi sta davanti, adesso, avrà la possibilità di tenere questo comportamento”, ha aggiunto. “La cosa è stata comunicata ai commissari, ma questi non hanno fatto nulla. Hanno giustificato il loro mancato intervento col fatto che tutti agivano in quel modo, ma ovviamente era un effetto a cascata. Se il primo esegue certe manovre, tutti dietro sono costretti ad allinearsi”.

“Sicuramente ne parleremo al prossimo incontro con la direzione corsa e in caso contrario sarò io stesso a tirare fuori l’argomento. Voglio capire se parliamo di una mossa consentita e se in futuro dovrò adattarmi a una situazione di questo tipo” ha concluso l’inglese.

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

6 commenti

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati