F1 GP Belgio: Hamilton vince e si avvicina a Vettel, secondo

A podio anche Ricciardo. Quarto Raikkonen

F1 GP Belgio: Hamilton vince e si avvicina a Vettel, secondo

Perfezione alla Lewis Hamilton a Spa. Nessun errore, nessuna sbavatura, in questo weekend che per il britannico si conclude nel migliore dei modi, con la sua 58esima vittoria. Il pilota Mercedes si porta così a meno 7 punti iridati da Vettel, che ha magistralmente tallonato il rivale dal primo all’ultimo giro. Ottimo lavoro anche per Daniel Ricciardo, che con il terzo posto si intasca così il sesto podio stagionale. Quarta piazza per Raikkonen, rallentato purtroppo da una penalità. Bottas, Hulkenberg, Grosjean, Massa, Ocon e Sainz completano la top ten.

Cronaca – 22°C la temperatura dell’aria e 32°C quella dell’asfalto, quando scatta il giro di formazione a Spa. Situazione gomme al via: ultrasoft per i primi 14 piloti, usata per i primi 9, supersoft per gli ultimi sei, ad eccezione di Wehrlein con la soft. Si spengono i semafori: Hamilton parte bene e tiene la leadership. Vettel tenta subito l’affondo dopo l’Eau Rouge ma il britannico sfrutta la traiettoria e non molla. Al primo giro lo seguono Vettel, Bottas, Kimi, Verstappen, Ricciardo, Alonso, Hulkenberg, Ocon e Magnussen. Duello tra Alonso e Hulkenberg, con il tedesco che riesce a riprendersi la posizione sullo spagnolo. Perez si prende la decima piazza. Ritiro per Wehrelin. Anche Ocon, Perez e poi Grosjean si fanno sotto su Alonso, con lo spagnolo che commenta il motore Honda come “imbarazzante”. Bandiere gialle! No power per Verstappen, che parcheggia a bordo pista all’ottavo giro. Cominciano i primi pit stop: gomma gialla per Palmer ed Ericsson, quindi anche Ocon e Grosjean, che montano rispettivamente gomma rossa e gialla. Pit stop per Hulkenberg e Massa, che montano le soft. Al giro 13 Hamilton ai box. Gomma gialla e rientro al quarto posto, alle spalle di Kimi. Raikkonen viene messo sotto investigazione per non aver rallentato in regime di bandiera gialla e poco dopo si beccherà 10 secondi di stop&go. Pit stop per Vettel e gomma gialla al giro 15: il tedesco rientra dietro a Kimi, appena sorpassato da Hamilton.

Al giro 19: Hamilton, Vettel, Bottas, Ricciardo, Hulkenberg, Ocon, Kimi, Perez, Sainz e Grosjean. Al giro 21 tutti i piloti hanno effettuato il primo pit stop. Gomma gialla per la maggior parte della griglia, mentre con la rossa sono Ricciardo, Ocon, Perez. Kvyat e Vandoorne con la ultrasoft. Stroll si fa sotto su Alonso, conquistando la 13esima piazza. Raikkonen strappa la quinta piazza ad Hulkenberg. Al giro 27, ritiro per Alonso. Giro 29: Hamilton, Vettel, Bottas, Ricciardo, Raikkonen, Hulkenberg, Grosjean, Magnussen, Massa, Perez e Ocon. Al giro 30 le due Force India innescano un duello al vetriolo alla Eau Rouge, con Perez che dopo il contatto con il compagno di squadra semina pezzi in pista e perde la posteriore destra. Safety car in pista!

E’ subito corsa al pit stop. Dentro anche Mercedes e Ferrari. Gomma gialla per Hamilton e ultrasoft per Vettel! Al giro 34 si riparte, con Vettel che subito si attacca agli scarichi della Mercedes. Il tedesco tenta subito l’affondo ma Hamilton resiste, mentre sono Ricciardo e Raikkonen subito dietro a passare Bottas, che perde ben due posizioni. Al giro 41 è di 1.2s il distacco tra Hamilton e Vettel, che mette nel frattempo a segno il GPV, 1:46.577.

Ritiro per Perez a un giro dalla fine. Hamilton vola verso la bandiera a scacchi e va a vincere il GP del Belgio davanti a Vettel e Ricciardo!

F1 GP Belgio – Tempi e risultati Gara

1 44 Lewis Hamilton Mercedes 1:24’42″820
2 05 Sebastian Vettel Ferrari + 2″358
3 03 Daniel Ricciardo Red Bull + 10″791
4 07 Kimi Raikkonen Ferrari + 14″471
5 77 Valtteri Bottas Mercedes + 16″456
6 27 Nico Hulkenberg Renault + 28″087
7 08 Romain Grosjean Haas + 31″553
8 19 Felipe Massa Williams + 36″649
9 31 Esteban Ocon Force India + 38″154
10 55 Carlos Sainz Toro Rosso + 39″447
11 18 Lance Stroll Williams + 48″999
12 26 Daniil Kvyat Toro Rosso + 49″940
13 30 Jolyon Palmer Renault + 53″239
14 2 Stoffel Vandoorne McLaren + 57″078
15 20 Kevin Magnussen Haas + 67″262
16 09 Marcus Ericsson Sauber + 69″711
17 11 Sergio Perez Force India Ritirato
18 14 Fernando Alonso McLaren Ritirato
19 33 Max Verstappen Red Bull Ritirato
20 94 Pascal Wehrlein Sauber Ritirato

 

F1 GP Belgio: Hamilton vince e si avvicina a Vettel, secondo
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Gran Premi

Lascia un commento

2 commenti
  1. Hall9000

    28 agosto 2017 at 10:47

    …all’arrivo del dopo gara, nella pre-stanza del”rinfresco”, poco prima della premiazione, nel faccia faccia alquanto pungente di Hammilton in risposta a Vettel che gli riferiva all’arrivo, della sua effettiva vicinanza alla sua monoposto…ed Hammilton:”Solo perché ho permesso che fosse così’”….Proprio scortese il Lewis, tanto più che riferiva questa scorbutica risposta, senza guardarlo negli occhi…In fin dei conti Vettel con più sarcasmo avrebbe potuto rispondergli per le rime dicendogli:”..He! Se avessi avuto la tua monoposto ti avrei di sicuro superato e vinto”..Tiè!!

    • frency

      28 agosto 2017 at 12:47

      Si pienamente d’accordo, freddissimo Hamilton se non fosse freddo non sarebbe stato capace a tener dietro Vettel in quel modo.
      Cmq ferrari fortissima

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati

Amarcord

F1 | GP Belgio 1981: il primo podio di Nigel Mansell

Il 17 maggio 1981, esattamente 37 anni fa, il pilota britannico coglieva la sua prima Top Three, preceduto sul podio di Zolder dalla Ligier di Lafitte e dalla Williams del vincitore Reutemann
Esattamente 37 anni fa (17 maggio 1981) Nigel Mansell coglieva, al termine del Gran Premio del Belgio, disputato sulla pista