F1 | Giovinazzi sulle battaglie con Vettel in alcuni GP: “È bello poter lottare con una Ferrari”

"Quando lotti con un campione hai la possibilità di imparare qualcosa anche dall'abitacolo", ha ammesso il pilota di Martina Franca

F1 | Giovinazzi sulle battaglie con Vettel in alcuni GP: “È bello poter lottare con una Ferrari”

Sebastian Vettel è alla prese con una difficile stagione, la sua ultima in Ferrari prima dell’approdo alla corte dell’Aston Martin che dal prossimo anno prenderà il posto in griglia della Racing Point, a causa del mancato feeling con la SF1000.

Il tedesco, negli ultimi GP, è stato protagonista di alcune battaglie a centro gruppo con l’Alfa Romeo di Antonio Giovinazzi. Il pilota di Martina Franca, fresco di rinnovo insieme al compagno di squadra Kimi Raikkonen, si è detto sorpreso ma al tempo stesso contento di lottare con la monoposto del Cavallino.

È bello lottare con una Ferrari, perché non succede spesso – ha dichiarato Giovinazzi, intervistato da  Motorsport-Total.com – Ricordo il Gran Premio dell’Eifel dove avevo il suo fiato sul collo per l’80% della gara ed era pronto ad attaccarmi. Dopotutto è un quattro volte campione del mondo con molta esperienza. È stato difficile tenerlo indietro ed è stato bello finire davanti a lui. Queste sono emozioni meravigliose”.

Il pilota pugliese, continuando a parlare di Vettel, ha aggiunto: “È strano. Non succede in tutte le gare, ma quando succede è bello, anche perché conosco bene Seb e ho avuto la possibilità di lavorare con lui quando quando ero allo sviluppo della monoposto al simulatore nel 2017 e nel 2018. Lo apprezzo molto come persona. Quando lotti con un campione hai la possibilità di imparare qualcosa anche dall’abitacolo”.

Giovinazzi ha preferito non sbilanciarsi su eventuali differenze tra l’Alfa Romeo C39 e la Ferrari SF1000: “È difficile fare paragoni perché i due simulatori sono molto diversi. Difficile dire se sia meglio qui o peggio lì. Preferisco per non fare confronti”.

Leggi altri articoli in Ferrari

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati