F1 | Ferrari, Leclerc: “Il tracciato di Suzuka è molto impegnativo”

"Sarà interessante verificare come si comporteranno gli upgrade che abbiamo introdotto di recente sulla SF90", ha sottolineato il monegasco

F1 | Ferrari, Leclerc: “Il tracciato di Suzuka è molto impegnativo”

Salutata Sochi con l’amaro in bocca, dove si è dovuto accontentare del gradino più basso del podio, Charles Leclerc è pronto per l’appuntamento di Suzuka dove in questo fine settimana andrà in scena il Gran Premio del Giappone.

Il Giappone è un luogo speciale nel quale andare a gareggiare per tutti i piloti, in particolar modo per via dei tifosi locali che sono appassionatissimi e ci danno sempre un supporto enorme, il che rende unica questa tappa del campionato”, ha detto il monegasco.

Il tracciato nipponico è tristemente noto per l’incidente costato poi la vita al povero Jules Bianchi, amico fraterno di Leclerc: “Non nascondo che lo scorso anno è stato molto difficile per me scendere in pista qui per la prima volta, perché nella mia mente c’era il ricordo di Jules che proprio a Suzuka ebbe l’incidente che gli fu fatale – ha ammesso l’alfiere del Cavallino -. Per me questo luogo è indissolubilmente legato a quel ricordo, ma dal punto di vista del circuito mi piace molto”.

Leclerc poi, spostando poi l’attenzione sugli aspettivi tecnici della pista di Suzuka, ha detto: “È molto impegnativo, in tal senso direi uno dei migliori in assoluto in calendario dal momento che ci puoi trovare dalle curve da alta velocità ai tornantini e alle chicane molto lente, tutte caratteristiche che contribuiscono a rendere iconica questa pista”.

Sarà un banco di prova importante per la Rossa: “Per quanto ci riguarda, ancora una volta si tratta di un circuito dalle peculiarità differenti da quelli su cui abbiamo gareggiato di recente – ha aggiunto Leclerc -. Anche a Suzuka, dunque, sarà interessante verificare come si comporteranno gli upgrade che abbiamo introdotto di recente sulla SF90”.

Piero Ladisa


Leggi altri articoli in Ferrari

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati