F1 | Ferrari ai minimi termini, Leclerc e Sainz smentiscono Vasseur

La SF23 è disastrosa sul long run, è sempre più difficile credere ad una risalita

F1 | Ferrari ai minimi termini, Leclerc e Sainz smentiscono Vasseur

La Ferrari esce da Miami con le ossa rotte. Il tracciato americano è teatro di una giocata da quaterback degna del superbowl da parte di Max Verstappen, capace di “lanciarsi” dalla nona alla prima posizione con una rimonta furiosa e ferale per gli avversari, a partire da Perez che ha dovuto riporre nel cassetto i suoi sogni di gloria.

Sullo sfondo dell’assolo di Verstappen si è stagliata, o meglio spiaggiata, una malinconica e inguardabile Ferrari, alla quale è mancato tutto: brio, velocità, ritmo. La SF-23 ha confermato sulla pista liscia di Miami di essere un progetto carente, ai limiti del fallimentare. E il sospetto, sempre più radicato, è che ci sia ben poco da fare, e che gli stessi tanto attesi sviluppi di Imola e Barcellona siano più una speranza che una concreta possibilità di miglioramento. La verità è che la SF-23 sul tracciato della Florida non stava in pista: nervosa col posteriore, pessima con le gomme, imprevedibile nel bilanciamento.

Il fitto conciliabolo tra Sainz e Leclerc a fine GP è l’immagine più emblematica del fine settimana di Maranello. Charles scuoteva la testa, i volti erano attoniti, entrambi hanno lamentato apertamente l’eccessivo degrado delle gomme, l’incostanza nel ritmo e – cosa più grave – l’imprevedibilità del comportamento.

Per il Cavallino dovrebbe essere umiliante sentire Leclerc affermare che l’auto prima non girava e poi la curva dopo partiva in sovrasterzo oppure sentire lo stesso Sainz dire che non riusciva a fare due giri in fotocopia.

V’è da dire che lo spagnolo è apparso più fiducioso sugli sviluppi, dichiarando apertamente che la Ferrari proverà a prendere un’altra direzione (da Barcellona) mentre Charles è apparso avvilito e sfiduciato, tanto nei gesti quanto nelle parole.

Intanto entrambi hanno defintivamente smentito il “mantra” di Vasseur, secondo cui un’auto veloce in qualifica non può essere sbagliata concettualmente. La SF-23 invece pare proprio un disastro sul long run, con una difficoltà dai contorni grotteschi (“dobbiamo capire”, il ritorno) a gestire le gomme. Ricordiamo che questa non è la Rossa di Vasseur, ma è figlia della gestione Binotto. F-Red come, soprannominato dalla tv in pieno periodo di retorica invernale, deve però darsi una mossa.

L’attuale gruppo tecnico di Maranello sbaglia da troppi anni; è ora di prendere un direttore tecnico di spessore che abbia una visione, un quadro di insieme chiaro e preciso. Un grande direttore tecnico e poi tanti altri ingegneri bravi. Ma la Ferrari non si è stancata di essere così scarsa?

Antonino Rendina

5/5 - (15 votes)
Motorionline.com è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News,
se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie
Seguici qui
Leggi altri articoli in Focus F1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati