F1 | Carey: “Il calendario 2020 non è ancora completo”

"Ci vorranno ancora un paio di mesi"

F1 | Carey: “Il calendario 2020 non è ancora completo”

Non è ancora chiaro il futuro del Gran Premio di Spagna, dopo l’annuncio della tappa di Zandvoort nel calendario 2020 di Formula 1. L’ufficialità verrà data in occasione del Gp di Monaco, in programma il prossimo 26 maggio. I proprietari del circuito di Barcellona insistono sul fatto che resteranno in trattative con Carey riguardo al calendario del 2020, anche se alcune fonti dicono che la Spagna è stata definitivamente tagliata fuori.

“Il calendario 2020 non è ancora completo -ha dichiarato Chase Carey- ci vorrà ancora del tempo. L’anno scorso, lo abbiamo concluso ad agosto ma il nostro obiettivo è di definirlo nei prossimi due mesi. 

C’è grande entusiasmo per il ritorno di F1 a Zandvoort. Max Verstappen lo ha definito molto simile al layout di Suzuka.

“È veloce, è un circuito vecchia scuola e ci vanno gli attributi per correre lì -ha ammesso Daniel Ricciardo – per quanto sia veloce e stretta, penso che sarà molto difficile superare”.

Sebastian Vettel concorda sul fatto che a Barcellona ci sia sicuramente “più occasione di sorpasso” rispetto a Zanvoort.

Tuttavia, nella pista olandese ci sono delle modifiche in atto su alcune curve, anche se non vi è alcuna incertezza sul fatto che le famose trappole di ghiaia saranno lasciate intatte.

“Se andiamo lì, la ghiaia sparirà”, ha predetto Vettel.

Ma Jan Lammers, il portavoce del GP d’Olanda, non lo confermerebbe.

“Per soddisfare i desideri della F1 e gli standard della FIA, il circuito e le infrastrutture saranno modernizzati in alcune aree”, ha affermato.

Il presidente della FIA Jean Todt concorda: “Ci sono molti preparativi necessari per portare il circuito al livello di sicurezza necessario per la Formula 1.” 

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati