Virgin: Entrambe le vetture al traguardo in Cina

Virgin: Entrambe le vetture al traguardo in Cina

Il team Virgin completa la gara nel Gran Premio di Cina con entrambe le vetture. Glock e D’Ambrosio sono fiduciosi sugli aggiornamenti che arriveranno per la Turchia.

Jerome D’Ambrosio – Pos 20:
“Sono molto contento della mia gara. E’ il mio secondo traguardo, quindi sono felice di questo. Credo di aver fatto progressi durante tutto il weekend e il mio passo di gara era molto meglio che nelle precedenti due gare. Il primo giro è stato divertente, ho avuto una piacevole lotta con Timo, lui mi ha passato, poi l’ho superato e poi mi ha superato di nuovo. E ‘stato il tipo di gara che mi piace. Vedo che sto facendo progressi e questo è la cosa importante e ora non vedo l’ora di andare in Turchia “.

Timo Glock – Pos 21:
“Non una grande gara, purtroppo, dal mio punto di vista, ma positiva nel fatto che abbiamo finito la gara con entrambe le vetture, che era l’obiettivo. Ho avuto una buona partenza e un buon primo giro. Sono riuscito a rimanere davanti alla HRT e superato Jérôme alla curva 13. In generale, abbiamo sofferto un po ‘di più il degrado al posteriore per qualche ragione. La squadra poi ha preso la decisione di convertire la gara in tre stop, ma questa non è stata la scelta giusta, perché abbiamo sofferto in maniera massiccia con le bandiere blu. Poi nell’ultimo stop una ruota non è andata via, il che mi è costato alcuni secondi. In generale sulle gomme dure la macchina era un po ‘meglio ma all’inizio abbiamo faticato. Il difficile inizio di stagione è ormai alle spalle e guardiamo avanti positivamente agli aggiornamenti che tutti hanno lavorato duramente dietro le quinte per garantirci un buon passo avanti in Turchia. Grazie a tutti nella squadra e speriamo di poter condividere alcuni risultati migliori.”

Leggi altri articoli in Gran Premi

Lascia un commento

1 commento
  1. Mattia

    17 aprile 2011 at 18:08

    Le Virgin si sono fatte avvicinare troppo dalle HRT e Glock ha un po’ deluso arrivando dietro a D’Ambrosio.

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati