Vettel: “Impossibile raggiungere Rosberg”

Per il ferrarista le gomme sono uno dei punti deboli del team

Vettel: “Impossibile raggiungere Rosberg”

Il male della Ferrari risiede nelle gomme. E’ questo il messaggio corale lanciato dalla Scuderia al termine del Gp di Monaco e quindi anche da Sebastian Vettel, autore di un fortuito secondo posto ottenuto approfittando della safety car entrata a seguito dell’incidente di Verstappen e degli errori del box Mercedes.

“Oggi ho dovuto lottare parecchio con gli pneumatici. Purtroppo una volta raffreddati è stato difficile farli andare di nuovo in temperatura – ha rivelato in conferenza stampa il tedesco – Rientrata la vettura di sicurezza ho dovuto tenere d’occhio Hamilton che montava le super soft e aveva un altro passo, mentre su Rosberg è stato impossibile recuperare. Credo che anche senza la Manor da doppiare non ci sarei riuscito”.

Poi sul distacco dalla concorrenza ha proseguito: “E’ normale che in un circuito del genere si sia tutti più vicini. Dobbiamo comunque analizzare i dati e cercare di capire perché in corsa andiamo meglio che in qualifica. E’ probabile che sia necessario un cambio nell’assetto se non proprio nello sviluppo dell’auto”.

Chiara Rainis

Leggi altri articoli in Gran Premi

Lascia un commento

9 commenti
  1. amico di frederick

    25 Maggio 2015 at 07:38

    Bravo Sebastian tu sei appena arrivato in Ferrari ma noi tifosi…sono anni infatti che aspettiamo una Ferrari costruita per vincere! gia’ eliminare il pul rod all’anteriore aiuterebbe parecchio che la vettura davanti e’ troppo rigida come una barra di acciaio!

  2. reaper

    25 Maggio 2015 at 08:35

    facciamoci anche noi una 3 giorni di test privati e non consentiti, stile Mercedes, con cui hanno messo a posto i loro problemi con le gomme, in teoria dovremmo ricevere la loro stessa sanzione, cioè nulla.

  3. felicinoss

    25 Maggio 2015 at 08:42

    ….Ferrari,visto che il problema sono le gomme (lo aveva anche mercedes e si sono fatti 1000 km illegali…x risolverlo)fate anche voi 1000 km e risolveteli, tanto la fia non potrà penalizzarvi di più di quanto ha fatto con i teutonici.

    F A T E L O !

    W la Ferrari x sempre.

  4. amico di frederick

    25 Maggio 2015 at 08:49

    ma che gomme del menga svegliatevi! e’ tutta una questione di troppa rigidita’ della sospensione anteriore che infulenza il bilanciamento generale della vettura compreso l’erogazione della coppia motrice non a livello di quella del mercedes.

    • AntonioX

      25 Maggio 2015 at 10:46

      Wow … non sapevo che a commentare qui ci fosse uno dei collaudatori

    • reaper

      25 Maggio 2015 at 13:56

      questo personaggio, sta privando, da qualche parte, un villaggio, del suo idiot@.

  5. kimi-kimino

    25 Maggio 2015 at 10:05

    Gara da sei quella di Vettel. Quest’anno il podio sarà sempre alla sua portata visto che Raikkonen ormai è sparito. Forse la Ferrari avrà delle difficoltà nei circuiti veloci e dovrà lottare con la Williams ma per il resto le classifiche sono già scritte.

  6. Alecx

    25 Maggio 2015 at 10:29

    Che ridere, tutti tecnici qua, chissa cosa avrete detto allora per la F14-T.

    La SF15-T è una vettura molto buona, ma è la Mercedes a essere perfetta e non dimentichiamoci che i piloti non sono certo i Merhi di turno, con tutto il rispetto per Merhi. Allora chiediamoci, anche Raikkonen sta dando il massimo? Secondo me no. Hamilton quest’anno è in stato di grazia e secondo me al momento merita assolutamente il mondiale, di gran lunga piu di tutti.

    La Ferrari sta facendo tutto quello che puo, ma non è detto che tutto quello che puo sia abbastanza per contrastare la Mercedes fino a fine campionato.

    Volevo vedervi cosa scrivevate dopo la Malesia sulla sospensione anteriore pull rod.
    E’ una scelta tecnica che hanno fatto ancora e che quest’anno sta funzionando, punto. Il resto sono solo boiate.

  7. Federico Barone

    25 Maggio 2015 at 10:47

    Bravo Vettel. Certe cose – probabilmente in Ferrari note a tutti – vanno dette.

    Le modifiche fatte al progetto di Tombazis sono state evidentemente buone, ma non sufficienti e la vittoria di Sepang è stata una sorpresa (benvenuta ma giunta forse troppo presto) che ora ha spostato aspettative e stato d’animo dei tifosi.

    La Mercedes è sempre nettamente superiore, manda in temperatura le gomme più dure, mentre la Ferrari non lo fa. Modificare radicalmente il progetto è impossibile, bisogna aspettare il 2016 (nell’inverno non c’era tempo a sufficienza, ricordate quando Allison ebbe il via libera?).

    Un tempo chi era virtuoso e gentile con le gomme ne traeva vantaggio. Ora, con le mescole un po’ più dure è esattamente il contrario.

    Già nel 2014 Hamilton ebbe la meglio su Rosberg perchè in gara sfruttava meglio le coperture più dure…

    Se i regolamenti non fossero così rigidi (fra test, crash test, misure e limitazioni varie, come distribuzione pesi…) si potrebbe almeno cercare di modificare il progetto in corsa ed avere da metà stagione avversari forse più vicini alle Mercedes (ho scritto forse e non intendo solo le Ferrari).

    Un tempo era meglio, sotto questo aspetto:

    ricordo che nel 1982, quando la Ferrari passò sulla 126 C2 dalle sospensioni anteriori a sistema pull rod (inizialmente erano ancora a bilanciere) come quasi tutti gli avversari… Pironi prese il largo in campionato (salvo poi fermarsi brutalmente ad Hockenheim, dove avrebbe dominato).

    Quindi, armatevi di pazienza (e vista questa Mercedes, poi magari arriva pure Audi, potrebbe non servire nemmeno quella…). 😉

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati