Test Mugello, Alonso: “Bella pista, ma non abbiamo completato il programma”

Lo spagnolo lamenta la pioggia che ha condizionato il lavoro in pista

L'alfiere della Ferrari ha potuto sviluppare solo una parte degli aggiornamenti portati dal Cavallino sulla pista toscana
Test Mugello, Alonso: “Bella pista, ma non abbiamo completato il programma”

Dopo più di tre anni d’assenza, la Formula 1 è tornata protagonista all’Autodromo del Mugello. Davanti a oltre quindicimila presenze fra paddock, tribuna e prato, nonostante le condizioni meteorologiche pessime la F1 ha usufruito del suo ultimo test della stagione.

Per la Ferrari è sceso in pista Fernando Alonso: il pilota spagnolo aveva nel suo programma odierno prove di sviluppo di nuove soluzioni e di approfondimento della conoscenza del comportamento degli pneumatici. Purtroppo, le condizioni della pista, asciutta soltanto per una breve finestra di tempo in tarda mattinata, hanno imposto una revisione drastica del programma, limitato soprattutto nel pomeriggio, quando sono state effettuate solamente prove di partenza. Alla fine della giornata i giri percorsi sono stati in totale 46, il più veloce nel tempo di 1.22.444, miglior crono assoluto.

“Peccato per la pioggia, che ha complicato lo svolgimento di questo primo giorno di prove, e per il pubblico, che avrebbe meritato uno spettacolo migliore”, ha commentato l’asturiano. “Avevamo un programma di lavoro abbastanza nutrito ma ne abbiamo potuto completare solamente una parte. E’ quindi impossibile dare una valutazione seria, anche perché sull’asciutto abbiamo girato veramente poco. Posso soltanto dire che per me è stato un piacere tornare a guidare su questo tracciato: la prima e unica volta risaliva al 2001, quando feci un test con la Minardi. E’ una pista spettacolare e sarebbe bello poterci fare una gara”, ha concluso lo spagnolo. Le prove della Scuderia all’Autodromo del Mugello proseguiranno domani, quando sarà in pista Felipe Massa.

Lorena Bianchi

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

26 commenti

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati