Test F1 Ungheria 2018, giorno 1: Giovinazzi da record con la Ferrari

Il pilota italiano ha fatto segnare il giro più veloce della pista, davanti alla Sauber di Ericsson e la Toro Rosso di Hartley

Test F1 Ungheria 2018, giorno 1: Giovinazzi da record con la Ferrari

Antonio Giovinazzi al volante della Ferrari conclude la prima giornata di test ungheresi in testa, grazie al miglior tempo di 1:15.648 – nuovo record non ufficiale della pista – messo a segno con la mescola hypersoft. Il pilota pugliese ha tenuto dietro di sé la Sauber di Ericsson, staccata di 2.5s, quindi Hartley, Norris, Russell, Ricciardo, Latifi, Hulkenberg, Rowland e Gelael. Nelle otto ore di test la bandiera rossa ha sventolato una sola volta, lasciando però a piedi il giovane Gelael, impegnato con la ST12 per Pirelli, mentre la pioggia ha fatto visita ai piloti nelle fasi finali della sessione.

Oltre a Force India e Williams, che hanno testato la nuova specifica di ala anteriore  2019, il lavoro in pista si è concentrato su test aerodinamici e affidabilità, con i piloti impegnati inoltre a testare una differente tipologia della mescola soft. I test proseguiranno domani, dalle 9.00 alle 18.00, con la seconda e conclusiva giornata.

Cronaca – La prima mattinata di test in pista all’Hungaroring ha visto svettare la Ferrari numero 99 di Antonio Giovinazzi, che prima della pausa pranzo si è imposto con il miglior tempo di 1:19.648, ottenuto con la gomma soft. Il pilota italiano, con 66 giri messi a segno, ha preceduto la McLaren di Lando Norris e la Force India di Nicholas Latifi. Le più attive in pista sono state invece le Toro Rosso, che in totale hanno percorso 162 tornate: Hartley con la vettura ufficiale 2018 e Sean Gelael con la STR12 impegnata a testare per Pirelli i prototipi 2019.

La sessione pomeridiana all’Hungaroring riprende il via lentamente, con Hartley unico a rientrare in pista a pochi minuti dal semaforo verde. Alla Toro Rosso del neozelandese si aggiungono poi nell’ordine anche Gelael, Ericsson, Latifi con la Force India e Norris con la McLaren. A quasi un’ora dal via fa la sua apparizione anche Ricciardo, mentre Hartley poco dopo tocca per primo quota 100 giri. Tornato in pista anche Giovinazzi, la lista dei tempi si aggiorna con un nuovo miglior crono da parte dell’italiano: 1:16.887, con le supersoft. I giri della Rossa proseguono e il pilota italiano, passato alle hypersoft, arriva a segnare 1:15.870.

A due ore dalla conclusione in pista sventola la bandiera rossa: la Toro Rosso di Gelael è finita contro le barriere in curva 11. Termina così la giornata per il pilota indonesiano e anche per Pirelli. Alla ripartenza, il crono di riferimento scende a 1:15.648, sempre firmato Giovinazzi. Ericsson gli è a 2.5s, davanti a Hartley, Norris, Russell, Ricciardo, Latifi, Hulkenberg, Rowland e Gelael.

Ma ecco che un violento acquazzone si abbatte sull’Hungaroring e i piloti si rintanano ai box. Non ci vuole moltissimo prima che la pista torni agibile, con il sole di nuovo a scaldare l’estate ungherese. Ricciardo, Giovinazzi e Norris ridanno il via all’attività con la gomma intermedia. Mentre si avvicina la fine della sessione, Hartley, Ricciardo, Latifi, Gelael e Norris hanno raggiunto quota 100 giri.

La prima giornata si conclude con la Ferrari al comando davanti a Sauber e Toro Rosso, e con cinque piloti che hanno messo a segno oltre 100 giri di pista.

F1 Test Ungheria – Tempi, risultati e giri giorno 1

1) Antonio Giovinazzi, Ferrari – 1:15.648, 96 giri

2) Marcus Ericsson, Sauber – 1:18.155, 95 giri

3) Brendon Hartley, Toro Rosso – 1:19.251, 126giri

4) Lando Norris, McLaren – 1:19.294, 107 giri

5) George Russell, Mercedes – 1:19.781, 49 giri

6) Daniel Ricciardo, Red Bull – 1:19.854, 125 giri

7) Nicholas Latifi, Force India – 1:19.994, 103 giri

8) Nico Hulkenberg, Renault – 1:20.826, 63 giri

9) Oliver Rowland, Williams – 1:20.970, 65 giri

10) Sean Gelael, test Pirelli (Toro Rosso) – 1:21.451, 109 giri

Test F1 Ungheria 2018, giorno 1: Giovinazzi da record con la Ferrari
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Ferrari

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati