Raikkonen: “Rallentato alla partenza, ma la vittoria era alla portata”

Il finnico visto il suo ritmo finale lamenta i secondi persi alla prima curva

La Lotus a Silverstone ha dimostrato di essere l'auto con miglior passo, ma guai alla partenza per entrambi i piloti hanno impedito al team anglofrancese di portare a casa un risultato di prestigio
Raikkonen: “Rallentato alla partenza, ma la vittoria era alla portata”

Kimi Raikkonen chiude quinto il GP di Gran Bretagna a Silverstone, un buon risultato ma che avrebbe potuto essere migliore senza il tempo perso a inizio gara, quando si è trovato imbottigliato nel traffico dopo il via.

Per il pilota della Lotus vale un discorso simile a quello fatto per il suo compagno di squadra Romain Grosjean, capace di arrivare sesto dopo aver perso moltissimo tempo nella sostituzione del musetto. La Lotus appare una vettura molto veloce, in grado nel finale di recuperare moltissimi secondi: non a caso il giro più veloce è stato appannaggio del finlandese. “Ho avuto una partenza normale ma nelle prime curve ho dovuto evitare le auto davanti e ho guidato sopra il cordolo interno della curva, perdendo una posizione e venendo spinto all’esterno della pista”, ha spiegato Raikkonen. “Se fossi rimasto davanti assieme ai primi e non distante da Mark Webber, si sarebbe visto dove avrei potuto finire”, alludendo alla vittoria, che gli è sfuggita per 10”.

L’ex ferrarista ha finito negli scarichi di Felipe Massa e della Ferrari, che non ha superato soltanto per un suo lungo all’ultimo giro. “Ma non era questa la volta buona. Dopo che anche Lewis Hamilton mi ha passato, sono riuscito a risalire posizioni, perché la nostra macchina era molto veloce nella seconda parte della gara, specialmente con le gomme dure. Se avessi avuto un avvio migliore avrei potuto finire molto meglio. Ma queste sono le corse e, a volte si paga un prezzo più grande di quanto ci si aspetta dal primo giro”, ha concluso il pilota della Lotus.

Lorena Bianchi

Leggi altri articoli in Focus F1

Lascia un commento

33 commenti

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati