Pirelli: Miglior giro di Vettel a Monaco con le Super Soft

Pirelli: Miglior giro di Vettel a Monaco con le Super Soft

I 3.340 chilometri del Gran Premio di Monaco costituiscono il circuito più celebre al mondo e oggi Pirelli vi ha stabilito un nuovo record, registrando il miglior giro di sempre nei 68 anni di storia della gara, durante l’ultima manche delle qualifiche.

Usando gli pneumatici PZero Red supersoft, al debutto a Monaco, il pilota della Red Bull Racing Sebastian Vettel ha fatto il miglior tempo in 1m13,556s. La velocità media del pilota tedesco nel suo giro di qualifica è stata di 163,467 km/h. Sulle strade di Monaco, gli pneumatici Pirelli PZero Red supersoft sono di circa un secondo al giro più veloci dei più duri PZero Yellow.

Il precedente giro più veloce a Monaco era stato stabilito dal pilota della Red Bull Racing Mark Webber nelle qualifiche dello scorso anno, con un tempo di 1m13,826s. Questa mattina, il pilota della Ferrari Fernando Alonso è stato il più veloce nell’ultima sessione di prove libere, prima delle qualifiche.

Il miglior giro di sempre a Monaco fu stabilito da Kimi Raikkonen durante il Q2 nel 2006, con un tempo di 1m13,532s: due centesimi di secondo più veloce del tempo fatto oggi da Vettel. Ma le regole allora in vigore facevano sì che, per la posizione finale in griglia, contasse solo il giro in Q3.

La sessione di qualifica più cruciale dell’anno – dato che qui superare è davvero difficile, viste le strade strette e tortuose – si è svolta in condizioni di asciutto e caldo. La temperatura dell’aria si è attestata sui 24 gradi centigradi, mentre l’asfalto ha raggiunto i 46 gradi. Vettel ha usato i PZero Yellow soft nel Q1 e poi è passato ai PZero Red supersoft durante il Q2 e il Q3. Ma l’ultima parte delle qualifiche è stata interrotta a due minuti e mezzo dalla fine, in seguito al grave incidente del pilota della Sauber Sergio Pérez all’uscita del tunnel.

Dopo un’interruzione di circa mezz’ora, le nove monoposto rimaste in Q3 hanno completato la sessione con un solo giro cronometrato a disposizione, ma nessuno dei piloti è riuscito a migliorare il proprio tempo, così Vettel ha messo il sigillo sulla sua prima pole a Monaco: la quinta dell’anno e la 20° in carriera.

Il commento del Direttore Motorsport Pirelli, Paul Hembery: “Prima di tutto, il nostro pensiero va a Sergio Pérez. Gli auguriamo un rapido recupero e il fatto che fosse cosciente e parlasse dopo un incidente così grave testimonia gli standard di sicurezza raggiunti nell’attuale Formula Uno. Per quanto riguarda l’azione in pista, sarà interessante vedere quali strategie i Team decideranno di adottare domani. Come ci aspettavamo, le prestazioni e la durata dei nostri pneumatici PZero Red supersoft sono state eccellenti finora e siamo molto orgogliosi di aver stabilito con questa mescola il miglior tempo di sempre nell’ultima qualifica su un circuito unico come quello di Monaco.”

Leggi altri articoli in Gran Premi

Lascia un commento

9 commenti
  1. Marco

    28 maggio 2011 at 21:34

    Hanno tutti fatto il tempo con le Super Soft

  2. Fernando

    28 maggio 2011 at 21:39

    Si e speriamo non siano anche super…pastafrolla 🙁

  3. nik

    28 maggio 2011 at 21:50

    o ma comè ke sti ricchioni della mclaren hanno una tuta diversa ogni gp???????

  4. Marco

    28 maggio 2011 at 22:36

    @ nik si per un concorso

    @ Fernando speriamo se no qui è un casino

  5. Frenk

    28 maggio 2011 at 22:52

    Evviva!!!La pirelli ha fatto un’altra pole!!!

  6. simone

    28 maggio 2011 at 23:56

    fa propio pena questa tuta mclaren

  7. Alex. (tifoso WILLIAMS)

    29 maggio 2011 at 08:10

    @ Frenk
    Peccato che tutti i team hanno le Pirelli…!

  8. Fernando

    29 maggio 2011 at 12:06

    @Alex
    Secondo me voleva solo scherzare per ironizzare su un prodotto italiano di valore…
    Siamo strani noi italiani, anziché vantarci di quel che facciamo di buono, ci diamo addosso da soli, che mediocrità 🙁

  9. Alessio

    29 maggio 2011 at 13:20

    nik ricchione sarei te e quel frocio che ti ha messo al mondo

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati